Abbandono di rifiuti, telecamere inchiodano cinque sporcaccioni - QdS

Abbandono di rifiuti, telecamere inchiodano cinque sporcaccioni

redazione

Abbandono di rifiuti, telecamere inchiodano cinque sporcaccioni

mercoledì 05 Giugno 2019 - 00:00
Abbandono di rifiuti, telecamere inchiodano cinque sporcaccioni

A loro carico la Municipale eleverà multe fino a 600 euro ciascuno

CALTAGIRONE – Cinque “sporcaccioni” sono stati “immortalati” dalle telecamere mentre abbandonavano rifiuti di vario tipo in diversi angoli della città, tanto nella zona nuova, quanto nel centro storico.

A loro carico la Polizia municipale eleverà sanzioni sino a 600 euro ciascuno, sperando che ciò costituisca un serio deterrente rispetto ad analoghi comportamenti. Si tratta dei risultati dell’attività di controllo portata avanti dal Servizio Ecologia del Comune e dalla stessa Polizia municipale grazie anche al sistema di videosorveglianza che consente di “vegliare” sugli spazi che presentano maggiori criticità per la formazione di cumuli di rifiuti abbandonati.

“In questo modo – sottolinea l’assessore alle Politiche ecologiche, Francesco Caristia – intendiamo accrescere il decoro dell’ambiente, concorrendo a una drastica diminuzione dei deprecabili comportamenti che rischiano di vanificare o, comunque, ridurre la portata dei lusinghieri risultati raggiunti dalla città in tema di raccolta differenziata”.

“Continua – ha dichiarato il sindaco Gino Ioppolo – l’attività di controllo del territorio, che sarà a breve ulteriormente intensificata con la collocazione di altre telecamere nell’ambito dei lavori per la nuova illuminazione pubblica. Siamo fiduciosi che ciò possa affievolire, sino ad eliminare del tutto, certi fenomeni negativi che non rendono giustizia agli sforzi profusi e agli obiettivi già centrati”.

Intanto, dati più che confortanti, diffusi da Kalat Ambiente Srr, giungono dalla raccolta differenziata dei rifiuti, con la media del territorio, nei primi mesi del 2019, attestata attorno al 70 per cento e Caltagirone – fra i primissimi Comuni in Sicilia con oltre 30mila abitanti – che nel mese di aprile, proseguendo nella propria crescita, ha sfiorato il 65 per cento (64,37).

“Le percentuali di differenziata, già alte, raggiunte dalla nostra città – ha sottolineato il sindaco Gino Ioppolo – potrebbero essere ancora più elevate se alcuni cittadini, per fortuna meno che in passato, non abbandonassero i rifiuti per strada. Le attività messe in campo, come, fra alcuni mesi, la realizzazione del Centro comunale di raccolta, contribuiranno a far lievitare un dato comunque significativo.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684