Accesso al credito più agevole per le pmi isolane - QdS

Accesso al credito più agevole per le pmi isolane

Pietro Vultaggio

Accesso al credito più agevole per le pmi isolane

venerdì 10 Gennaio 2020 - 00:00
Accesso al credito più agevole per le pmi isolane

Accordo siglato nei giorni scorsi tra Regione siciliana, Irfis, Artigiancassa e Assoconfidi per far ripartire l’economia dell’isola. Grazie a due distinte convenzioni sarà più semplice per le aziende siciliane accedere a nuove fonti di finanziamento

PALERMO – Rendere più agevole l’accesso al credito, in Sicilia, in favore delle micro e piccole imprese. È questo l’obiettivo di un accordo siglato tra la Regione Siciliana e l’Irfis (intermediario finanziario, iscritto al TUB ex art 106, con socio unico la Regione e sottoposto alla vigilanza della Banca d’Italia) con Artigiancassa e Assoconfidi.

Grazie, quindi, a due distinte convenzioni, sottoscritte congiuntamente, sarà più semplice per le aziende siciliane accedere a nuove fonti di finanziamento. “Queste convenzioni serviranno – ha spiegato Armao, vicepresidente della Regione – a rendere più facile l’accesso al credito per le imprese che operano sul nostro territorio. Una delle priorità del Governo Musumeci è quella di far ripartire l’economia dell’Isola. Per portare a termine l’obiettivo abbiamo affiancato ad Irfis due grandi protagonisti del credito, Artigiancassa e Assoconfidi, il primo specializzato nel finanziamento di imprese di piccolissime dimensioni, e il secondo capace di offrire quelle garanzie che oggi sono indispensabili per ottenere i finanziamenti”.

Parlando di Irfis, la Regione Siciliana ha voluto dotare il territorio di un importante strumento di politica economica-finanziaria, focalizzato sia sulla crescita delle aziende già esistenti che sulle nuove imprese che intenderanno nascere e investire nell’Isola, favorendo un complessivo ciclo virtuoso di modernizzazione e produttività.

Il presidente dell’Irfis Finsicilia S.p.A., Giacomo Gargano, ha sottolineato: “Da oggi, grazie alla rete capillare di Artigiancassa, e alle risorse messe in campo dalla Regione Siciliana e dall’Irfis, anche per mezzo del Fondo Sicilia, le piccolissime imprese siciliane hanno nuovi strumenti di accesso al credito. Inoltre, il Confidi aiuterà le aziende sul fronte delle garanzie, un aspetto estremamente delicato”.

Il Confidi è un consorzio che esercita l’attività di garanzia collettiva dei fidi. La sua attività è quella di prestare la propria garanzia verso la banca nel caso in cui le imprese chiedano dei finanziamenti, in modo da agevolare l’accesso al credito destinato alle attività economiche e produttive. È importante rivolgersi a un Confidi perché l’impresa si assicura un garante affidabile nella richiesta di credito, assicurandosi molte possibilità in più di accesso ai finanziamenti.

L’attività dei Confidi minimizza i rischi per le banche dovuti a eventuali insolvenze dei clienti: per questo l’erogazione del credito è più protetta e agevolata.

“La partnership appena siglata conferma la volontà di Artigiancassa di essere al fianco delle micro imprese e delle PMI siciliane – afferma Francesco Simone, direttore generale di Artigiancassa – con il duplice obiettivo di offrire loro non solo prodotti dedicati ma anche servizi di accompagnamento e supporto per la crescita. L’impegno della Banca sarà quello di promuovere, in sinergia con le associazioni socie sul territorio, l’accesso a questi strumenti finanziari, garantendo alti livelli di assistenza e servizio. Apprezziamo la sensibilità di Irfis e della Regione Siciliana che hanno fortemente voluto la chiusura di questa operazione, in un contesto di mercato complesso che ha bisogno di iniezioni di fiducia come questa”.

Positivo anche Rosario Carlino, presidente di Assoconfidi Sicilia: “Questa convenzione sul Fondo Sicilia, frutto di un lungo confronto con l’Assessorato regionale dell’Economia e con Irfis, permetterà ai Confidi di essere elementi centrali nel sostegno alle imprese, garantendo circa 1.000 operazioni per una media di 50.000 euro, movimentando, in questo modo, circa 50 milioni di euro. L’ampliamento della garanzia permetterà di raggiungere una platea ancor più ampia di micro e piccole e medie imprese”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684