Acireale, sparò e ferì carabiniere in chiesa, 69enne condannato a 17 anni - QdS

Acireale, sparò e ferì carabiniere in chiesa, 69enne condannato a 17 anni

web-mp

Acireale, sparò e ferì carabiniere in chiesa, 69enne condannato a 17 anni

web-mp |
martedì 08 Febbraio 2022 - 08:15

Camillo Leocata, il 5 settembre del 2021 ha sparato un colpo di pistola ferendolo gravemente il vicebrigadiere dei carabinieri Sebastiano Giovanni Grasso intervenuto per sedare una rissa in chiesa

l Gup di Catania Stefano Montuori ha condannato a 17 anni e quattro mesi di reclusione per tentativo di omicidio e porto illegale di arma da fuoco Camillo Leocata, il 69enne che il 5 settembre del 2021 ha sparato un colpo di pistola ferendolo gravemente il vicebrigadiere dei carabinieri Sebastiano Giovanni Grasso, di 43 anni, che, fuori dal servizio, era intervenuto per aiutare suoi colleghi a sedare una rissa nella chiesa di Santa Maria degli Ammalati durante una Prima comunione.

La sentenza

La sentenza è stata emessa e conclusione del processo celebrato col rito abbreviato.

Il Gup, che ha escluso la recidiva, ha disposto il pagamento di una provvisionale alle parti civili: 805mila euro alla vittima della sparatoria, che era in chiesa per la Prima comunione del figlio ed ha subito gravi danni al canale midollare a una vertebra cervicale, e 20mila euro al ministero della Difesa-Comando generale dei carabinieri. Il Pm aveva chiesto la condanna a 20 anni di reclusione.

Il movente

Il movente della rissa, l’accusa contestata dalla Procura, era da collegare all’assegnazione dei posti in chiesa per la prima comunione anche del nipote dell’arrestato, i cui genitori sono separati. Leocata ha sostenuto di essersi allontanato dalla chiesa durante la funzione per andare casa a prendere la pistola “dopo avere percepito le minacce rivolte al figlio dai parenti dell’ex moglie” e che, durante una colluttazione, ha sparato “contro una persona che non ho ben capito che stesse facendo, se colpendo o no mio figlio”. Poi l’uomo sarebbe rimasto con la pistola in mano “nonostante i carabinieri gli avessero intimato giù volte di metterla giù , il tutto fino all’intervento di suo figlio che, con un gesto repentino, gliela sfila dalla mano”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684