Agenzia delle Entrate, accertamento fiscale per chi non risponde, le novità - QdS

Agenzia delle Entrate, accertamento fiscale per chi non risponde, le novità

web-iz

Agenzia delle Entrate, accertamento fiscale per chi non risponde, le novità

web-iz |
giovedì 06 Gennaio 2022 - 14:54

Proseguono gli interventi per contrastare l'evasione fiscale in Italia. Cosa può fare un contribuente quando riceve una segnalazione dell'Agenzia delle Entrate?

Cosa succede se un contribuente, una volta ricevuta la lettera dell’Agenzia delle Entrate, non regolarizza la violazione segnalata? Una simile situazione potrebbe presto far scattare l’accertamento fiscale e poi, addirittura, le riscossione degli importi segnalati.

Da segnalazione ad atto impositivo. Questo prevede una delle proposte scritte nella relazione per il contrasto all’evasione fiscale, fenomeno dilagante in Italia. Ecco come evitarlo.

Le segnalazioni dell’Agenzia delle Entrate

Per favorire l’adempimento spontaneo, l’Agenzia delle Entrate invia le segnalazioni ai contribuenti riguardanti eventuali anomalie nelle loro dichiarazioni dei redditi.
Ma se il contribuente non regolarizza la propria posizione e non fornisce alcuna giustificazione, dev’essere eseguito il controllo fiscale per non far sì che gli evasori possano credere di agire indisturbati e impuniti.

Ma vista la mole di comunicazioni che l’istituto dovrà inviare dal 2022 al 2024, riuscirà effettivamente ad eseguire i controlli previsti?

Il ravvedimento, il contraddittorio preventivo e il termine d’impugnazione

Per risolvere questo problema, la possibilità di individuare alcune tipologie di comunicazioni con caratteristica di atto impositivo. Quando un contribuente le riceverà, con indicazione dell’imponibile, aliquote, imposte, sanzione, interessi, motivazione e altro, potrà regolarizzare la violazione o presentare le sue osservazioni in merito all’errore segnalato, avviando un procedimento di contraddittorio preventivo. Quest’ultimo si concluderà con l’archiviazione, ovvero l’emissione di un avviso di accertamento parziale. Inoltre, potrà impugnare direttamente la comunicazione entro un termine maggiore di quello previsto per le osservazioni e la produzione di documenti.

Passato il termine di impugnazione, la comunicazione potrebbe già consentire la riscossione degli importi segnalati.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684