Beni confiscati alla criminalità restituiti alla comunità - QdS

Beni confiscati alla criminalità restituiti alla comunità

Irene Milisenda

Beni confiscati alla criminalità restituiti alla comunità

sabato 23 Novembre 2019 - 00:00
Beni confiscati alla criminalità restituiti alla comunità

Sono complessivamente 168 quelli che saranno assegnati agli Enti territoriali della provincia. Conferenza di servizi in Prefettura alla presenza della competente Agenzia nazionale

AGRIGENTO – I beni sequestrati e confiscati alla mafia rappresentano un tesoro per la comunità. Per questo, alla presenza del prefetto Dario Caputo e dei funzionari dell’Agenzia nazionale dei beni sequestrati e confiscati, si è svolta in Prefettura una conferenza di servizi finalizzata alla consegna degli stessi.

“Si tratta – ha dichiarato la dirigente dell’Agenzia nazionale per i beni confiscati e sequestrati, Matilde Pirrera – di un patrimonio di particolare pregio. Alcuni saranno affidati alle Forze di Polizia, altri immobili sono destinati alle Amministrazioni comunali che cureranno la destinazione tramite bandi per finalità sociali alle associazioni, o per finalità istituzionali per le necessità degli Enti. Ci vorrà un anno di tempo per l’individuazione dei progetti e due anni per la definitiva assegnazione dei beni”.

In tutto sono 168: 155 sono stati affidati agli Enti territoriali, di cui sette ad Agrigento, dieci a Canicattì, uno a Favara, 75 a Licata, sei a Menfi, cinque a Montevago, 43 a Naro, due a Palma di Montechiaro, uno a Santa Margherita Belice, due a Santo Stefano Quisquina e tre Sciacca.

Tredici beni, tra il Villaggio Mosè e la via Venezuela ad Agrigento, saranno destinati alle Forze di Polizia. Sei appartamenti sono destinati alla Prefettura e saranno sede distaccata con archivi; uno sarà archivio del Comando provinciale dei Vigili del Fuoco; due sede di distaccamento sempre dei Vigili del Fuoco; altri due sono destinati al tribunale e alla Procura della Repubblica come archivio e deposito; un appartamento alla Direzione investigativa antimafia di Agrigento; un altro al Comando provinciale dei Carabinieri.

“Siamo riusciti – ha detto il prefetto Caputo – a mettere definitivamente la parola fine su procedure che hanno percorso vari stadi e gradi di valutazione, anche da parte della Magistratura. Restituiamo alla comunità agrigentina un importante patrimonio sottratto alle mafie”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684