Agrigento, intesa Comune e Uepe per un’alternativa al carcere - QdS

Agrigento, intesa Comune e Uepe per un’alternativa al carcere

Irene Milisenda

Agrigento, intesa Comune e Uepe per un’alternativa al carcere

mercoledì 09 Giugno 2021 - 00:00

Detenuti in affidamento in prova o ai servizi sociali svolgeranno dei lavori di pubblica utilità. Accordo firmato dal sindaco Micciché e dalla direttrice Miraglia

AGRIGENTO – Offrire un’opportunità d’integrazione a soggetti che stanno scontando pene esterne al carcere, detenuti in affidamento in prova o ai servizi sociali che faranno dei lavori di pubblica utilità per il Comune e la collettività. Questo l’obiettivo del protocollo d’intesa firmato in Municipio dal sindaco Franco Miccichè e da Rosa Maria Miraglia, direttrice dell’Uepe (Ufficio di esecuzione penale esterna).

“È importante – ha affermato la direttrice Miraglia – che si faccia un lavoro di comunità nell’ottica della giustizia riparativa. Quando soggetti condannati si mettono al lavoro con e per la comunità, ricuciono il patto con la società che era stato rotto con il reato e riabilitano loro stessi”.

Al protocollo hanno lavorato gli assessori Marco Vullo e Roberta Lala, rispettivamente con deleghe ai Servizi sociali e alle Pari opportunità. “Il Comune – ha affermato Vullo – era privo di questo protocollo. Da questo primo step passeremo all’organizzazione del lavoro individuando i soggetti che devono scontare la pena che presteranno la loro attività non retribuita in favore della collettività nelle piccole manutenzioni, per la cura del verde pubblico e in altre collaborazioni a vario titolo con gli uffici dell’Ente”.

“Il condannato – ha aggiunto l’assessore Roberta Lala – che intende riparare al danno prodotto lavorando per la comunità, ha diritto a un’opportunità per riguadagnare la fiducia”.

Il Comune dunque s’impegna a individuare gli ambiti d’impiego, a stipulare l’assicurazione, individuare un referente e a preparare e accompagnare l’accoglienza nella struttura dove sarà impiegato il soggetto in questione.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001