Amministrative Siracusa, otto avvisi di conclusione indagine - QdS

Amministrative Siracusa, otto avvisi di conclusione indagine

Web-mp

Amministrative Siracusa, otto avvisi di conclusione indagine

Web-mp |
giovedì 18 Marzo 2021 - 12:00

Si è conclusa l’attività investigativa coordinata dalla Procura e svolta dalla Digos, scaturita all’esito delle consultazioni elettorali del 2018, per l’elezione del sindaco e del Consiglio comunale

Agenti della Digos hanno notificato un avviso di conclusione indagini ad otto persone tra presidenti e segretari di alcune sezioni elettorali impegnati nelle consultazioni del 2018 per l’elezione del sindaco e del consiglio comunale di Siracusa.

L’accusa è di avere alterato il risultato della votazione della sezione di pertinenza. Le indagini, coordinate dalla Procura di Siracusa, hanno riguardato 30 indagati, ma per 22 loro il pm ha chiesto l’archiviazione ritenendo i fatti “seppur costituenti reato, di lieve entità”.

L’inchiesta è scaturita in seguito all’esposto presentato da Paolo Ezechia Reale, candidato a sindaco di Siracusa arrivato al ballottaggio con Francesco Italia, che è stato poi eletto primo cittadino.

Il risultato della competizione elettorale era stato contestato da Reale che aveva presentato ricorso al Tar di Catania, e un esposto alla Procura di Siracusa – ricostruisce la Questura – il Tar aveva dichiarato l’illegittimità delle operazioni elettorali comunali del 10 giugno 2018 limitatamente a nove sezioni, dove erano state scrutinate 3.964 schede, e annullava i verbali dell’Ufficio elettorale centrale sull’ammissione al ballottaggio per l’elezione a sindaco dei candidati Italia e Reale, la proclamazione a sindaco di Italia e, infine, quella degli eletti al consiglio comunale.

Per i restanti profili, i motivi del ricorso erano stati dichiarati inammissibili o infondati.

Il sindaco Italia ricorreva al Cga che rigettava le originarie ragioni di ricorso di Reale, escludendo evidenze della cosiddetta ‘scheda ballerina’”.L’indagine ha consentito di individuare alcuni componenti dei seggi elettorali il cui operato è risultato “non conforme a quanto previsto dalle norme in materia”.

La Questura di Siracusa specifica che “una maggiore attenzione da parte di chi svolge tali incarichi (presidente, vice presidente o semplice scrutinatore) avrebbe potuto evitare gravose indagini di natura amministrativa e penale che hanno potuto solo individuare gli autori di tali violazioni della normativa”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684