Archeologia: quello sotto una chiesa a Siracusa è un miqweh - QdS

Archeologia: quello sotto una chiesa a Siracusa è un miqweh

redazione

Archeologia: quello sotto una chiesa a Siracusa è un miqweh

lunedì 17 Giugno 2019 - 11:31
Archeologia: quello sotto una chiesa a Siracusa è un miqweh

La conferma dal prof. Adler, studioso di Gerusalemme, che l'ha identificato da un'iscrizione. Si trova sotto il tempio di San Filippo, nel rione ebraico della Giudecca sull'isola di Ortigia

“L’iscrizione ritrovata e il tipo di struttura ci portano alla conclusione che il luogo che si trova sotto la chiesa di San Filippo apostolo a Siracusa è un miqweh, un antico bagno rituale ebraico”.

Sono le parole del prof. Yonatan Adler, docente di archeologia della Ariel University di Gerusalemme che insieme alla dottoressa Nadia Zeldes della Ben Gurion University del Negev hanno effettuato una serie di studi scientifici sui miqwot e in particolare su quelli di Siracusa.

La chiesa di San Filippo si trova nel rione della Giudecca, il quartiere ebraico del centro storico di Ortigia.

“Lo storico siciliano Giuseppe Capodieci – ha aggiunto lo studioso – identifica tre miqweh a Siracusa: uno è quello di Casabianca (Palazzo Bianca ndr) ma poi ce ne sono altri due. Su quello di San Filippo ho concentrato la mia attenzione: mi ha colpito l’iscrizione di appena sei lettere ritrovata sulla parete vicino la scala e poi la struttura somiglia a quella dei miqwot di tutta Europa. L’iscrizione rappresenta una prova”.

L’ipotesi scientifica è stata presentata nel corso di una conferenza promossa dall’Istituto superiore di Scienze Religiose San Metodio e patrocinata dal Comune di Siracusa, a Palazzo Vermexio.

La storica Zeldes ha ricordato che gli ebrei “furono cacciati dalla Spagna nel 1391 e buona parte di essi emigrarono in Sicilia e tra le città dove vi fu una colonia c’era certamente Siracusa”.
“Nel 1492 – ha concluso – gli ebrei furono costretti a lasciare l’isola, per cui è presumibilmente che in questo arco temporale possa essere stato edificato il miqweh che però forse non fu portato a termine”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684