“Assegno unico universale” per i figli in relazione al coniuge collocatario divorziato - QdS

“Assegno unico universale” per i figli in relazione al coniuge collocatario divorziato

Sebastiano Attardi

“Assegno unico universale” per i figli in relazione al coniuge collocatario divorziato

martedì 15 Marzo 2022 - 08:21

A chi spetta il nuovo assegno unico: alla madre collocataria dei figli oppure anche all’altro coniuge non collocatario?

Recentemente – a seguito dell’introduzione (decreto legislativo n. 230/2021 ) dello “assegno unico universale” per i figli entro l’età di 21 anni – s’è venuto a creare un problema economico-giuridico tra i genitori divorziati con affido condiviso dei figli, laddove la sentenza prevede che il 100% degli “assegni familiari” spetta alla madre collocataria.

Poiché “l’assegno unico universale” – che ha sostituito gli assegni familiari è stato statuito con decreto legislativo dell’anno 2021- è ovvio che detto assegno non è stato previsto nei divorzi avvenuti prima del 2021.

Ed allora, a chi spetta il nuovo assegno unico: alla madre collocataria dei figli oppure anche all’altro coniuge non collocatario? A questo punto bisogna fare riferimento al soggetto che ha presentato la richiesta per ottenere la corresponsione del predetto assegno. Il modulo della richiesta infatti contiene due opzioni: il pagamento per intero a chi lo richiede, oppure la ripartizione a metà inserendo, in questo caso, l’Iban dell’altro coniuge per il relativo accredito.

Se la richiedente non include l’Iban dell’altro coniuge, l’assegno verrà corrisposto per intero alla prima. Se invece si vuole raggiungere un nuovo accordo tra i coniugi circa l’incasso del citato assegno, occorre una nuova modalità scritta tra i coniugi, anche in modo informale, oppure richiedere, al giudice, la modifica del divorzio laddove non è stata prevista detta clausola sulla modalità di divisione del citato assegno unico universale.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684