Assistenza disabili, l'importanza di aprirsi ad altri linguaggi - QdS

Assistenza disabili, l’importanza di aprirsi ad altri linguaggi

web-dr

Assistenza disabili, l’importanza di aprirsi ad altri linguaggi

web-dr |
martedì 26 Gennaio 2021 - 10:06

Il video-racconto di una giornata di lavoro di Salvo, un operatore socio sanitario e socio assistenziale da molti anni impegnato, con la cooperativa sociale Nido d’Argento di Siracusa, all’assistenza dei soggetti disabili.

Delle diverse abilità o del mondo delle disabilità non è che non si parli, anzi. Psicologi, insegnanti, famiglie, operatori socio sanitari e assistenziali, vengono chiamati a discutere e a riferirne in ogni dove. Ma poi? Chi raccoglie il punto di vista delle tante persone che in diversi modi vivono la propria disabilità o quella altrui? Quali possono essere le tante narrazioni possibili sul mondo delle disabilità, narrate da chi ogni giorno le vive in prima persona e da chi ne è a stretto contatto nel proprio ruolo, professione o vocazione?

Una risposta cerchiamo di fornirla attraverso il video-racconto di una giornata di lavoro di Salvo, un operatore socio sanitario e socio assistenziale da molti anni impegnato, con la cooperativa sociale Nido d’Argento di Siracusa, all’assistenza dei soggetti disabili. E poi c’è Vincenzo, un giovane uomo affetto da disabilità grave con compromissioni di capacità cognitive e motorie. Vincenzo è uno dei protagonisti, inconsapevoli, di questa storia. Insieme a loro si racconta anche sua madre, Ketty. Coraggiosa, incisiva, unica.

Fare l’operatore non è per tutti: ci vuole un carattere forte, essere intelligenti e compassionevoli per affrontare le sofferenze con le persone – come racconta la dottoressa Ketty Caraffa, responsabile della cooperativa – passione, empatia, e lavorare per mantenere la salute e il benessere del proprio paziente.

Da tutti loro, attraverso il video, arriva un messaggio da raccogliere e del quale fare tesoro. Aprirsi ad altri linguaggi e discipline che aiutino a capire quale sia il ruolo dell’operatore, perché nel tempo è stata data un’immagine realistica ma non incisiva. Uomini e donne che ogni giorno svolgono un servizio essenziale. Sono costruttori di opportunità per i disabili, abbattono le barriere e costruiscono ponti tra i loro pazienti e il mondo esterno. C’è ancora molto da fare per dare dignità a questi operatori e la strada che è stata imboccata, forse, è quella giusta nella valorizzazione di questa professione, in difesa di questo prezioso capitale umano.

Marco Panasia

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001