Assoimpresa, Attinasi: "Aziende del sud in crisi, sfruttare subito fondi Pnrr" - QdS

Assoimpresa, Attinasi: “Aziende del sud in crisi, sfruttare subito fondi Pnrr”

dariopasta

Assoimpresa, Attinasi: “Aziende del sud in crisi, sfruttare subito fondi Pnrr”

Redazione  |
sabato 17 Giugno 2023

"Si rischia la chiusura di molte aziende e la perdita di migliaia di posti di lavoro", ha detto il presidente

Non possiamo permetterci di perdere ancora tempo sui fondi Pnrr, il sud e in particolare la Sicilia hanno bisogno di investimenti”. A parlare è Mario Attinasi presidente di Assoimpresa.

Molte imprese italiane e soprattutto del sud Italia, sono in crisi e rischiano la chiusura nei prossimi mesi. Attinasi sottolinea: “La ripresa economica di cui si parla è relativa ai settori che si occupano prevalentemente di prodotti che possono essere esportati e alle categorie nei settori dell’innovazione e della sostenibilità. Invece i negozi di vicinato soffrono moltissimo perché risentono delle vendite online ormai senza nessun controllo e della altissima pressione fiscale ormai a livelli che superano complessivamente il 60 % annuo”.

Il presidente di Assoimpresa aggiunge: “Riteniamo che se non si interviene con fatti concreti e con estrema urgenza si rischia la chiusura di molte aziende e la perdita di migliaia di posti di lavoro.
Per la ricchezza economica e per i posti di lavoro che producono, le imprese sono un patrimonio inestimabile per il nostro Paese e le dobbiamo preservare con il massimo sforzo possibile”.

I fondi del pnrr potrebbero permettere anche di accorciare il divario che c’è tra nord e sud, non solo sulle imprese ma anche sulle infrastrutture: “Quotidianamente ascolto i nostri imprenditori associati e percepisco una grande preoccupazione per il futuro – sottolinea Attinasi – abbiamo perso negli ultimi mesi aziende e imprese, rischiamo altre chiusure in particolare in Sicilia nei prossimi mesi. Ecco perché è fondamentale utilizzare i fondi del pnrr e provare ad accorciare il divario con le aziende del nord. Siamo indietro sulle infrastrutture, sulle strade, sulla industrializzazione. Il Ponte sullo stretto è sicuramente un’opera fondamentale e importante per la nostra terra, ma oltre a questo serve altro. Speriamo davvero che si possa cambiare marcia già a partire da subito”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001
Change privacy settings
Quotidiano di Sicilia usufruisce dei contributi di cui al D.lgs n. 70/2017