Assoturismo, "Convivere col Covid e cambiare strategia per ripartire" - QdS

Assoturismo, “Convivere col Covid e cambiare strategia per ripartire”

web-dr

Assoturismo, “Convivere col Covid e cambiare strategia per ripartire”

web-dr |
lunedì 26 Luglio 2021 - 17:14

Il presidente nazionale di Assoturismo, Vittorio Messina, analizza la stagione turistica che, a suo dire, sarà ulteriormente limitata dall'introduzione del Green pass

“Il danno è fatto. La confusione informativa di questi ultimi giorni sul Green pass ha generato il caos, creando una profonda incertezza e allarmismo ingiustificato tra i viaggiatori che ha determinato un crollo delle prenotazioni e numerose cancellazioni, affossando ancora una volta il turismo organizzato, che era timidamente ripartito appena a giugno”.

Così Gianni Rebecchi, presidente nazionale di Assoviaggi, l’associazione che riunisce le agenzie di viaggio e le imprese del turismo organizzato di Confesercenti. Sul tema, più che mai attuale del Green pass, è intervenuto il siciliano Vittorio Messina, presidente nazionale di Assoturismo e di Confesercenti regionale.

“Anche quest’estate, come quella del 2020, – ha affermato – si era presentata come una sorta di boccata d’ossigeno importante soprattutto per la filiera del balneare e addirittura a luglio avevamo cominciato a registrare qualche prenotazione in rialzo rispetto alle stime che ad inizio stagione avevamo azzardato. Tutto questo si è bloccato sicuramente per il diffondersi della variante Delta e adesso, con l’avvento del Green pass dal 6 agosto in poi, chiaramente si ha la percezione di un ribasso, non solo in termini di presenze e quindi di cancellazioni, ma anche parecchio turismo di prossimità, quello per intenderci Italia su Italia, di gente che non aveva ancora prenotato (perché è un turismo che si caratterizza per prenotazioni nel brevissimo periodo) è saltato.

Anche il turismo straniero, che avevamo cominciato a vedere nelle nostre città, anche se era non percentualmente significativo, ha cancellato immediatamente le prenotazioni effettuate soprattutto per il mese di agosto. Adesso – prosegue il presidente di Assoturismo – la nostra preoccupazione riguarda principalmente la stagione autunnale perché credevamo che la sfida si svolgesse in autunno sulle eventuali restrizioni così come nel 2020, mentre è stata anticipata ad inizio stagione in questo periodo e questo ci fa preoccupare ancora di più.

Probabilmente dobbiamo cominciare a pensare di dover convivere con questo maledetto covid e dobbiamo necessariamente cambiare strategie e programmazioni perché altrimenti da questa situazione non usciamo. In Sicilia le cose vanno come nel resto d’Italia. Per altro, per le città d’arte che fanno i numeri più alti come Roma, Venezia, Firenze…, da marzo 2020 non c’è stata una ripresa significativa; quindi per loro il problema va spostato ancora più avanti ed è preoccupante un autunno di mancata ripartenza, mentre il turismo balneare, il secondo per tipologia in Italia, una boccata d’ossigeno l’ha garantita alla filiera già l’anno scorso ma non parliamo di un recupero di perdite subìte. Credevamo quest’anno di “respirare a pieni polmoni” e invece sono arrivati la variante Delta e il Green pass che costituisce una mazzata soprattutto per chi arriva sul finire di luglio e a valere su agosto.

Cosa ci aspetta per la stagione autunnale? “Questa – conclude Vittorio Messina – è la domanda che ci poniamo noi imprenditori della filiera del turismo e che fino ad oggi abbiamo accettato e osservato tutte le restrizioni che il Governo nazionale, giustamente per questioni di salute pubblica, ha posto e che però alla lunga dimostrano di non essere sufficienti perché tra varianti e vaccini che danno una copertura limitata nel tempo, probabilmente il problema si sposta ma resta”.

Roberto Pelos

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684

x