Aumento giorni di permesso retribuito per i lavoratori con grave disabilità - QdS

Aumento giorni di permesso retribuito per i lavoratori con grave disabilità

Serena Giovanna Grasso

Aumento giorni di permesso retribuito per i lavoratori con grave disabilità

martedì 31 Marzo 2020 - 00:00

La conferma arriva da Inps e ministero del Lavoro. Beneficiano del diritto anche i familiari
Dodici giorni in più da godere tra marzo e aprile, anche consecutivamente nello stesso mese

PALERMO – Il ministero del Lavoro e l’Istituto nazionale di previdenza sociale sono tornati sulla questione permessi retribuiti, legati all’emergenza Coronavirus, allargando la platea di beneficiari. Infatti, mentre il messaggio numero 1281 del 20 marzo dell’Inps lasciava intendere che dall’aumento del numero di giorni di permessi retribuiti rimanessero esclusi i lavoratori con disabilità grave, la circolare 3 del 24 marzo del ministero del Lavoro (esplicativa del decreto Legge Cura Italia) e la circolare numero 45 del marzo Inps hanno incluso anche questa categoria di lavoratori alla fruizione del beneficio.

Nel dettaglio, grazie all’articolo 24 del decreto Legge Cura Italia 18/2020, i genitori di figli con disabilità grave non ricoverati a tempo pieno, coniuge e parenti entro il secondo grado di parentela di persone con disabilità grave non ricoverati a tempo pieno (ovvero, entro il terzo grado qualora i genitori o il coniuge della persona con handicap in situazione di gravità abbiano compiuto i sessantacinque anni di età oppure siano anche essi portatori di patologie invalidanti o siano deceduti o mancanti) e lavoratori con disabilità grave tra marzo e aprile hanno diritto ad ulteriori dodici giorni di permesso retribuito.

Quelle appena citate sono le categorie di lavoratori che beneficiano regolarmente dei permessi di lavoro disciplinati dall’articolo 24 della Legge 104/1992. Quindi, questi dodici giorni fruibili tra marzo e aprile vanno ad aggiungersi ai tre giorni che di norma spettano mensilmente. È possibile fruire consecutivamente nel corso dello stesso mese dei dodici giorni ulteriori, o in alternativa si può scegliere di frazionare questo periodo in ore, analogamente a quanto avviene per la fruizione dei tre giorni mensili.

Di conseguenza, se si ha diritto a sei giorni di permesso al mese per due familiari, ora si avrà diritto a 36 giorni di permesso retribuito coperto da contribuzione figurativa (sei giorni a marzo, sei giorni ad aprile e 24 giorni da poter utilizzare fra marzo e aprile).

Inoltre, l’articolo 39 del decreto Cura Italia prevede che fino al 30 aprile 2020 i lavoratori dipendenti con disabilità o che abbiano nel proprio nucleo familiare una persona con disabilità hanno diritto a svolgere la prestazione di lavoro in modalità agile, a condizione che tale modalità sia compatibile con le caratteristiche della prestazione. In generale, il lavoro agile è la modalità ordinaria di svolgimento della prestazione lavorativa nelle pubbliche amministrazioni, in modo da limitare la presenza di personale negli uffici.

Le nuove circolari rispondono alle richieste di chiarimento espresse da Elisabetta Iannelli, vicepresidente Aimac (Associazione italiana malati di cancro), che aveva anche chiesto tutela dei lavoratori con patologie oncologiche. Proprio nei confronti dei lavoratori immunodepressi, con patologie oncologiche o sottoposti a terapie salvavita, la circolare del ministero del Lavoro chiarisce che fino al 30 aprile il periodo di assenza dal servizio prescritto dalle competenti autorità sanitarie è equiparato al ricovero ospedaliero (in osservanza dell’articolo 26 del decreto Legge 18/2020).

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684