Monreale, bambino beve metadone e finisce in coma: le condizioni - QdS

Bimbo di 9 anni in coma dopo aver ingerito metadone: aperto fascicolo, gli aggiornamenti

webms

Bimbo di 9 anni in coma dopo aver ingerito metadone: aperto fascicolo, gli aggiornamenti

webms |
giovedì 23 Giugno 2022 - 14:35

Ecco le ultime novità sulle condizioni del piccolo, finito in coma dopo aver bevuto metadone. La Procura ha aperto un fascicolo e sono in corso le indagini dei carabinieri per far luce sul caso.

Sono ore di preoccupazione a Monreale, in provincia di Palermo, dove un bambino di 9 anni è finito in coma dopo aver bevuto metadone.

La Procura di Palermo ha aperto un fascicolo per fare luce sul caso, per il momento a carico di ignoti. A condurre le indagini sono i carabinieri di Monreale.

Bambino in coma per aver bevuto metadone: cosa è accaduto

La dinamica di quanto accaduto è ancora al vaglio degli inquirenti. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, dei giovani – attualmente non identificati – avrebbero dato da bere metadone al bambino. Per convincerlo a bere la sostanza, estremamente pericolosa soprattutto per i più piccoli, avrebbero detto al bambino che si trattava di .

Una volta tornato a casa, il piccolo avrebbe accusato forti dolori e avrebbe avuto anche delle terribili convulsioni. Trasferito d’urgenza all’ospedale Di Cristina di Palermo per gli accertamenti del caso, il piccolo è entrato in coma e ci è rimasto per alcune ore.

Fortunatamente, adesso sembra essere sveglio e cosciente. Non sarebbe in pericolo di vita, ma le sue condizioni sembrano essere comunque abbastanza gravi: pare, infatti, che il bambino abbia riportato danni a un polmone e al cuore dopo aver bevuto il metadone.

Mentre la comunità prega per il bambino in ospedale, è caccia – sui social e nella vita “reale – ai ragazzi accusati di aver dato la sostanza al piccolo. Non è escluso che si tratti di “amici”, capaci di ottenere la fiducia del bimbo. E anche i ragazzi responsabili di questa terribile vicenda potrebbero essere sotto l’effetto del narcotico.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684