Bankitalia, Sicilia, covid travolge imprese, boom indebitamento - QdS

Bankitalia, Sicilia, covid travolge imprese, boom indebitamento

web-gl

Bankitalia, Sicilia, covid travolge imprese, boom indebitamento

web-gl |
mercoledì 16 Giugno 2021 - 12:27

E' quanto emerge dal rapporto annuale della Banca d'Italia sull'economia in Sicilia. Le restrizioni all'attività economica hanno avuto un impatto eterogeneo tra i settori produttivi.

La crisi economica innescata dall’emergenza Covid ha prodotto in Sicilia nel 2020, in base alle stime di Prometeia, un calo del Pil dell’8,4% (8,9% in Italia) mentre per l’anno in corso c’è molta cautela rispetto a una possibile ripresa: il forte calo del prodotto interno loro registrato nel secondo trimestre si è successivamente attenuato; tuttavia nell’ultimo trimestre dell’anno, in concomitanza con le nuove misure restrittive alla mobilità e alle aperture degli esercizi commerciali, la contrazione è tornata ad accentuarsi.

E’ quanto emerge dal rapporto annuale della Banca d’Italia sull’economia in Sicilia, presentato in conferenza stampa. Le restrizioni all’attività economica hanno avuto un impatto eterogeneo tra i settori produttivi. Nell’industria e nelle costruzioni il calo della produzione si è concentrato nel secondo trimestre dell’anno, a causa del blocco delle attività non essenziali; la ripresa che si è manifestata nei mesi successivi non è stata però in grado di compensare tale riduzione. Nei servizi privati non finanziari la contrazione dell’attività ha interessato anche la seconda parte dell’anno, in connessione con le limitazioni imposte a seguito della ripresa dei contagi nell’autunno del 2020.

Riduzione della redditività e aumento dell’indebitamento che nel 2020 ha interrotto il processo di deleveraging in atto da oltre un decennio. E’ la fotografia fatta da Bankitalia alle imprese colpite dalla crisi provocata dalla pandemia da Covid-19 nel rapporto sull’economia in Sicilia. “Nel complesso del 2020 il calo dei fatturati ha determinato un peggioramento delle condizioni economiche e finanziarie delle imprese – si legge nello studio – I prestiti bancari al settore produttivo hanno ripreso a crescere, interrompendo un calo che durava quasi ininterrottamente dal 2012; l’espansione è stata robusta ed è stata sostenuta dalle misure straordinarie di sostegno al credito”.

L’aumento dei finanziamenti ha riflesso il significativo incremento della domanda di fondi da parte delle imprese, “da un lato per soddisfare il fabbisogno di liquidità dovuto al calo dei flussi di cassa, dall’altro per costituire riserve precauzionali volte a fronteggiare l’incertezza sulle prospettive economiche”. Ne è conseguito un incremento dei depositi bancari. “In base alle nostre stime – si legge nel rapporto – la redditività operativa delle aziende siciliane, che nel 2019 era leggermente migliorata, nel 2020 avrebbe significativamente risentito del calo del fatturato seguito allo scoppio dell’epidemia.

Il rapporto tra il margine operativo lordo (MOL) e l’attivo sarebbe sceso di oltre due punti percentuali, attestandosi su un livello inferiore a quello raggiunto durante la precedente crisi dei debiti sovrani e più basso di circa un punto percentuale rispetto alla stima nazionale”. A dicembre del 2020 i finanziamenti sono cresciuti del 7,3 per cento su base annua, a fronte di un calo dell’1,1 per cento nello stesso mese dell’anno precedente. Nei primi mesi dell’anno in corso i prestiti hanno ulteriormente accelerato. Un’analisi su un campione di circa 13.000 società di capitali siciliane mostra come “la crescita dei finanziamenti di banche e società finanziarie sia stata marcata per le imprese classificate come non rischiose, specialmente quelle di minore dimensione e dei servizi, mentre è proseguito, con la stessa intensità, il calo del credito per le altre aziende, in atto da almeno un decennio. Ciò si è riflesso in un’ulteriore contrazione dell’incidenza dei prestiti concessi alle imprese rischiose, scesa alla fine del 2020 all’11,8 per cento (28,0 al termine del 2010), valore in linea con la media nazionale”.

Se “nel decennio precedente l’insorgere della pandemia, il miglioramento delle condizioni economiche e finanziarie delle imprese” del turismo “ne aveva accresciuto il grado di resilienza di fronte a shock esterni” la pandemia e le misure per farvi fronte “si sono però riflesse, nel 2020, in un drastico calo delle presenze turistiche nell’isola; la contrazione, più forte rispetto a quella media nazionale, è stata più marcata per la componente straniera che ha mostrato una limitata capacità di ripresa nei mesi estivi, quando si era verificato un allentamento delle restrizioni”. E’ quanto emerge dal rapporto di Bankitalia sull’economia in Sicilia. Le presenze turistiche nelle strutture ricettive si sono contratte del 56,2 per cento rispetto all’anno precedente, in misura leggermente più intensa della media nazionale (-53,4 per cento).

Il calo ha interessato sia la componente domestica sia, in misura più marcata, quella estera, che nel 2019 rappresentava la metà delle presenze in regione. I flussi turistici si sono sostanzialmente arrestati tra aprile e maggio del 2020; nei mesi estivi, in connessione con l’allentamento delle restrizioni, hanno registrato un parziale recupero, più intenso per la componente nazionale per la quale, nel mese di settembre, le presenze avevano superato quelle del 2019 (-7,8 per cento in Italia.

Le presenze di turisti stranieri hanno invece mostrato una modesta capacità di ripresa, rimanendo a settembre del 2020 su livelli inferiori di oltre il 70 per cento rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Da ottobre, col riacutizzarsi dell’emergenza sanitaria e le successive restrizioni agli spostamenti, i flussi turistici hanno subito un’ulteriore battuta d’arresto, particolarmente marcata per la componente internazionale.

Dal secondo trimestre del 2020 il numero di occupati nel comparto si è ridotto del 17 per cento (-15,8 e -14,1 nel Mezzogiorno e a livello nazionale, rispettivamente), un calo più intenso che negli altri settori. Sulla contrazione ha inciso soprattutto la componente a termine, diminuita del 40,6 per cento, mentre l’impatto sull’occupazione permanente è stato mitigato dal blocco dei licenziamenti e dal ricorso alla cassa integrazione guadagni. Dal 17 marzo, data di entrata in vigore del decreto “cura Italia”, alla fine dell’anno il numero di finanziamenti alle imprese del settore turistico siciliano integralmente garantiti dal Fondo centrale di garanzia è stato pari a circa 10.500, per un ammontare complessivo di 207 milioni di euro.

In base alla rilevazione dell’Agenas sui ritardi di alcune prestazioni, nel primo semestre del 2020 la Sicilia ha registrato un calo dei ricoveri non collegati al Covid-19 di quasi il 27 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente; si tratta di prestazioni prevalentemente afferenti all’area oncologica e cardiocircolatoria.

Le prestazioni di specialistica ambulatoriale, nei primi nove mesi dell’anno, si sono ridotte del 31 per cento circa; nello stesso periodo anche l’attività di prevenzione ha subito un forte rallentamento, con un sostanziale dimezzamento degli screening effettuati. E’ quanto emerge dal rapporto di Bankitalia sull’economia in Sicilia.

“Il rinvio delle prestazioni verosimilmente si tradurrà in un maggiore fabbisogno sanitario in futuro – si legge nello studio – a questo effetto potrebbe sommarsi l’ulteriore domanda di prestazioni sanitarie da parte di coloro che hanno contratto il Covid-19 (e che potrebbero manifestare i sintomi del long Covid), che potrebbe essere meglio soddisfatta nell’ambito dell’assistenza territoriale”.

In base agli ultimi dati disponibili, riferiti al 30 maggio, la Sicilia ha ricevuto 67 dosi di vaccino ogni 100 abitanti (72 la media nazionale) mentre le dosi somministrate sono state 63 ogni 100 abitanti (69 in Italia). E’ quanto emerge dal rapporto Bankitalia sull’economia in Sicilia.

“Dopo la priorità assegnata ad alcune categorie di soggetti e agli ultra ottantenni, il piano vaccinale si è progressivamente esteso a fasce di età più giovani – si legge nell’indagine – A fine maggio il 40 per cento della popolazione con più di 16 anni aveva ricevuto almeno la prima dose di vaccino, e il 23 per cento aveva completato il ciclo vaccinale, a fronte di un obiettivo posto dal Piano nazionale di vaccinazione del 13 marzo 2021 di arrivare entro fine settembre alla copertura di almeno l’80 per cento della popolazione”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684