Il Comune di Troina è sempre più green - QdS

Il Comune di Troina è sempre più green

redazione

Il Comune di Troina è sempre più green

venerdì 06 Marzo 2020 - 00:00
Il Comune di Troina è sempre più green

L’Amministrazione Venezia ha deliberato di adottare il cosiddetto Green public procurement. Il sindaco: “Scelte amministrative improntate al rispetto dell’ambiente e della sostenibilità”

TROINA (EN) – Acquistare prodotti e servizi che hanno un effetto ridotto sulla salute umana e sull’ambiente e, contestualmente, stimolare la cittadinanza a scelte ecosostenibili.

Con questo obiettivo, su proposta del sindaco Fabio Venezia, l’Amministrazione comunale ha deliberato di adottare nelle proprie procedure di acquisto il Green public procurement, il metodo volto a ridurre l’impatto delle attività sull’ambiente, incrementare la domanda dei prodotti verdi e spingere le imprese a produrre beni con migliori prestazioni, fornendo un modello di comportamento responsabile. L’obiettivo, è quello di ottimizzare il servizio offerto dal prodotto e di ridurre l’uso delle risorse naturali, della produzione dei rifiuti, delle emissioni di inquinanti e dei relativi pericoli e rischi ad essi connessi.

“Quella di privilegiare gli acquisti verdi nelle forniture del Comune – ha spiegato il primo cittadino – è una scelta di campo, presa con lo scopo di promuovere scelte amministrative improntate al rispetto dell’ambiente e della sostenibilità”.

La direttiva emanata prevede, infatti, che negli appalti per la fornitura di beni e servizi, gli uffici comunali applichino la metodologia del Green public procurement per la seguente tipologia di prodotti: carta, lampadine, acquisto stampanti e macchinari vari per uffici, manutenzione e arredo verde pubblico, pulizia edifici, arredo per uffici, vestiario e calzature, servizi di pulizie, arredi tecnici, manutenzione ordinaria e straordinaria degli immobili, parco autovetture.

In tal modo, si innesterà progressivamente un processo di fornitura di prodotti ecologici che limitino o sostituiscano l’acquisto di quelli tossici, pericolosi, difficilmente smaltibili e di significativo impatto ambientale, che sia anche da esempio e da sprone per la comunità nella riduzione della produzione dei rifiuti ottenuti con materiali riciclati.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684