Niente più bocciature a scuola in Sicilia: la proposta e da quando - QdS

Niente più bocciature a scuola in Sicilia: la proposta e da quando

web-la

Niente più bocciature a scuola in Sicilia: la proposta e da quando

web-la |
lunedì 02 Maggio 2022 - 17:44

Ma davvero si possono abolire le bocciature a scuola in Sicilia e in Italia? Incredibile ma vero, la proposta c'è. E non è una proposta qualunque

Ma davvero si possono abolire le bocciature a scuola in Sicilia e in Italia? Incredibile ma vero, la proposta c’è. E non è una proposta qualunque.

A dirlo è Luca Ricolfi, nel suo intervento alla conferenza programmatica di Fratelli d’Italia. “Abolire la bocciature” a scuola e “introdurre il sistema dei livelli”.

La proposta

La proposta, spiega, è di consegnare al termine degli studi, anzichè il diploma di maturità, «una scheda in cui viene dettagliatamente descritto il livello in ciascuna della materia». «Sarebbe una riforma rivoluzionaria. Qualcosa di simile c’è nel Regno Unito. Funzionerebbe, sarebbe un incentivo», insiste.

Ricolfi ha anche un’altra proposta «rivoluzionaria» per la scuola. «Non ci sono le condizioni di imporre una scuola di qualità a tutti quindi si potrebbe permettere alle cospicue minoranze che desiderano studiare e seguire percorsi alti di fondare delle scuole basate sull’acquisizione della conoscenza e non sulla socializzazione e sull’intrattenimento, come avviene ora. Si potrebbe farlo con i voucher», sostiene.

Sasso: “Assolutamente contrario”

Non mi schiero al fianco di chi ritiene che il futuro della scuola italiana debba passare per l’eliminazione delle bocciature e l’instaurazione di un sistema all’anglosassone, con una certificazione del livello raggiunto al termine del ciclo di studi. Il mondo dell’istruzione deve garantire a tutti pari condizioni di partenza e premiare strada facendo chi realmente merita, non appiattire le differenze e mandare avanti tutti, indipendentemente da attitudini, volontà, preparazione». Lo dice il sottosegretario all’Istruzione Rossano Sasso, in merito alla proposta di Luca Ricolf

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684