Bollette idriche, Federconsumatori Enna chiede rimborso dei conguagli non dovuti - QdS

Bollette idriche, Federconsumatori Enna chiede rimborso dei conguagli non dovuti

redazione

Bollette idriche, Federconsumatori Enna chiede rimborso dei conguagli non dovuti

mercoledì 02 Marzo 2022 - 05:00

La Cassazione ha dichiarato illegittime le partite pregresse. La presidente provinciale, Bartoli: “Chiediamo all’Ati di deliberare la sospensione”

ENNA – La decisione della Corte di Cassazione n. 17959/2021 ha dichiarato l’illegittimità del meccanismo di recupero delle cosiddette “partite pregresse”, ovvero i conguagli tariffari previsti dalla delibera dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (Arera n. 643/2013).

La delibera Arera era un provvedimento amministrativo che aveva dato il via libera alla richiesta di conguagli da parte del gestore AcquaEnna S.c.p.A. nei confronti di tutti gli utenti della provincia di Enna.

La sentenza della Corte di Cassazione ha sancito che la delibera Arera è in contrasto con la legge: l’inserimento in bolletta delle “partite pregresse” è “chiaramente contraria al principio dell’irretroattività dell’atto amministrativo e anche al principio di corrispettività della tariffa”, poiché sono conguagli che non derivano dall’applicazione delle regole tariffarie.

Le “partite pregresse” sono state applicate dal gestore a tutti i clienti domestici e perfino a chi non ancora fruiva del servizio idrico in quegli anni.
“La contestazione delle partite pregresse sulle bollette dell’acqua è una battaglia che portiamo avanti da molto tempo – spiega Federconsumatori in una nota – questa importante pronuncia apre le porte alla richiesta di rimborso per chi ha già pagato tali conguagli ritenuti illegittimi”.

“Invitiamo – si legge ancora nella nota – tutti i cittadini a rivolgersi ai nostri sportelli, presenti nei comuni ennesi, per ricevere assistenza nelle richieste di rimborso con la relativa messa in mora”.

Federconsumatori Enna ha già richiesto di aprire un Tavolo di confronto sul tema con l’Assemblea Territoriale Idrica (Ati), coinvolgendo le forze economiche, sociali e politiche, senza successo ad oggi.

“Chiediamo pubblicamente all’Ati – ha detto Enza Bartoli, presidente provinciale di Federconsumatori – di deliberare per la sospensione dell’applicazione delle partite pregresse e chiediamo ai singoli Consigli comunali di prendere posizione sulla illegittimità dell’inserimento nelle bollette del servizio idrico integrato delle partite pregresse”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684