Bonus da 1000 euro alle partita Iva ma non solo, come ottenerlo - QdS

Bonus da 1000 euro alle partita Iva ma non solo, come ottenerlo

Luigi Ansaloni

Bonus da 1000 euro alle partita Iva ma non solo, come ottenerlo

domenica 21 Febbraio 2021 - 09:00
Bonus da 1000 euro alle partita Iva ma non solo, come ottenerlo

La misura fa parte del decreto Ristori ed è stata confermata dal governo guidato da Mario Draghi. Ecco come ottenerlo e i requisiti fondamentali per avere accesso al bonus

Bonus di mille euro a tutte le partite IVA e non solo. Una vera e propria manna dal cielo per moltissimi lavoratori in grave crisi in questi ultimi mesi.

La misura fa parte del decreto Ristori ed è stata confermata dal governo guidato da Mario Draghi.

A CHI SPETTA

Oltre alle partite Iva (senza alcuna distinzione) il bonus verrà erogato anche ai lavoratori autonomi o stagionali, ovviamente anche loro in grossa difficoltà.

Il bonus da 1000 euro sarà erogato a tappeto quindi, a tutti i soggetti con o senza partita Iva, basta però che siano possesso di pochi ma ben chiari requisiti.

I REQUISITI

Per essere beneficiari di questo bonus bisogna aver aperto la partita Iva da almeno tre anni, a patto che il fatturato annuo sia inferiore ai 50.000 euro.

I titolari devono inoltre essere in regola con il versamento dei contributi all’Inps e dimostrare che non ricevono altri contributi o prestazioni dal governo.

Il bonus sarà valido anche per i lavoratori autonomi e stagionali che non hanno partita Iva, se i contratti di lavoro sono stati attivi tra il 1 gennaio 2019 e il 29 ottobre 2020.

Per questi soggetti il requisito fondamentale è però che abbiano ricevuto almeno un contributo mensile dall’Inps nello stesso periodo.

DA QUANDO

Il decreto Ristori 5 dovrebbe essere effettivo a fine mese e ci saranno anche novità sul fondo perduto. Tra le novità più importanti vi è che non verrà più comparato il fatturato mensile, ma si terrà in considerazione l’intero fatturato annuale relativo agli anni di imposta precedenti.

Inoltre i ristori terranno conto del fatturato, ma non del codice ATECO di appartenenza, un criterio questo che secondo il governo Draghi ha creato solo disparità.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684