Calcio Catania, è finita: il Tribunale dice basta - QdS

Calcio Catania, è finita: il Tribunale dice basta

web-j

Calcio Catania, è finita: il Tribunale dice basta

web-j |
sabato 09 Aprile 2022 - 14:33

Per il club rossoazzurro questa volta sembra essere arrivata davvero la parola fine. La squadra non scenderà in campo domani contro il Latina

Per il Catania Calcio questa volta sembra essere arrivata davvero la parola fine. Il Tribunale etneo, infatti, ha comunicato lo stop all’esercizio provvisorio. La squadra non giocherà più in Serie C, a partire dalla gara di domani con il Latina che non si disputerà. Si dovrebbe ripartire dai dilettanti

Il comunicato del Tribunale

“Trattandosi di vicenda di particolare interesse sociale, si comunica che in data odierna il Tribunale di Catania – sezione fallimentare – ha disposto la cessazione dell’esercizio provvisorio del ramo caratteristico di azienda calcistica della Calcio Catania s.p.a”.

Tutti i tesserati rossazzurri sono ufficialmente svincolati

“Il Presidente Federale, preso atto della dichiarazione di fallimento della società Calcio Catania S.p.A. pronunciata dal Tribunale Civile di Catania – Sezione Fallimentare in data 22 dicembre 2021, con concessione dell’esercizio provvisorio successivamente prorogato sino al 19 aprile 2022 e della cessazione dell’esercizio provvisorio della società Calcio Catania S.p.A., disposta dal medesimo Tribunale in data 9 aprile 2022 e comunicata dai Curatori in pari data ha deliberato di revocare l’affiliazione alla fallita società Calcio Catania S.p.A., con svincolo del parco tesserati“.

Ghirelli: ” Provocata insopportabile sofferenza ai tifosi”

“Esprimo il massimo rispetto per l’operato della curatela e del giudice fallimentare”. Lo ha detto il presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli.

“Con grande dolore debbo constatare che la cessazione dell’esercizio provvisorio ;nel corso di svolgimento della stagione regolare arreca un grave nocumento al campionato di Serie C ;ed è questa una situazione che;, come presidente di Lega, non avrei mai voluto vivere. “In questi mesi, e ancor prima fin dall’operazione Sigi – ha aggiunto Ghirelli – ho cercato in tutti i modi di far capire che gli impegni assunti dovevano essere rispettati; impegni che ;tuttavia non sono stati mantenuti. Concludo sottolineando la insopportabile sofferenza che tutta questa; vicenda provoca alla città, ai tanti tifosi del Catania in Sicilia, in Italia, nel mondo”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684