Caltanissetta, quasi 50mila euro per i rifiuti pericolosi - QdS

Caltanissetta, quasi 50mila euro per i rifiuti pericolosi

Annalisa Giunta

Caltanissetta, quasi 50mila euro per i rifiuti pericolosi

mercoledì 10 Giugno 2020 - 00:00
Caltanissetta, quasi 50mila euro per i rifiuti pericolosi

In molte zone della città (in particolare nel centro storico) proliferano le discariche abusive. Il servizio sarà affidato ricorrendo al mercato elettronico della Pubblica amministrazione

CALTANISSETTA – Continuano a proliferare in città le discariche a cielo aperto e tra le zone maggiormente colpite c’è il centro storico (zona Provvidenza e San Calogero).

Durante l’attività ispettiva e di controllo effettuata dall’Amministrazione comunale sono stati rilevati numerosi cumuli di rifiuti speciali, alcuni anche pericolosi come l’amianto, abbandonati da ignoti su aree pubbliche.

“Ricordando che l’amianto – hanno evidenziato dal Comune – ai sensi del Dlgs 152/06 è classificato come rifiuto speciale pericoloso, quindi altamente inquinante soprattutto quando frantumato poiché le fibre libere di asbesto si diffondono molto facilmente nell’aria venendo inalate e fissate a livello di alveoli polmonare. Considerato che il sindaco, come massima autorità sanitaria, ha l’obbligo di porre in essere quanto di propria competenza al fine di garantire, direttamente o indirettamente, la pubblica incolumità si è proceduto ad approvare un accordo quadro per il servizio di rimozione dei rifiuti speciali e non abbandonati abusivamente”.

Un progetto, quello approvato con determina n. 664 dello scorso 27 maggio della Direzione III, dell’importo di 44.809,57 euro di cui 38.191,50 euro per l’esecuzione del servizio a ribasso d’asta, 808,50 euro per oneri di sicurezza non soggetti a ribasso, 3.900,00 euro somme a disposizione dell’Amministrazione Iva 10%, 780,00 euro fondo art. 113 D.Lgs 50/16 (2%) e 1.170 euro per imprevisti.

Il servizio sarà affidato ricorrendo al mercato elettronico della Pubblica amministrazione, realizzato dal ministero dell’Economia e della Finanze, e sarà aggiudicato tenendo conto dell’offerta del servizio al prezzo più basso.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684