Caltanissetta, recuperare e ri-funzionalizzare i beni sottratti alla criminalità - QdS

Caltanissetta, recuperare e ri-funzionalizzare i beni sottratti alla criminalità

Annalisa Giunta

Caltanissetta, recuperare e ri-funzionalizzare i beni sottratti alla criminalità

sabato 19 Febbraio 2022 - 09:00

Nei giorni scorsi si è svolto un apposito incontro in Prefettura con i rappresentanti di alcuni Comuni della provincia. La volontà del Governo è restituire il patrimonio in questione alla collettività

CALTANISSETTA – Valorizzare dal punto di vista economico e sociale i beni confiscati alla mafia nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza. Con questo intento il prefetto Chiara Armenia ha convocato nei giorni scorsi una riunione cui hanno partecipato i sindaci e i responsabili degli uffici tecnici dei comuni di Caltanissetta, Butera, Gela, Mussomeli, Niscemi, Riesi, San Cataldo, Sutera e Vallelunga.

Il Governo, nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza, ha infatti stanziato trecento milioni di euro per la realizzazione di duecento progetti nelle otto regioni del Mezzogiorno di cui 250 milioni di euro riservati a iniziative selezionate attraverso l’avviso che scadrà il prossimo 28 febbraio che servirà a individuare proposte progettuali finalizzate al recupero, alla ri-funzionalizzazione e alla valorizzazione di beni confiscati alla criminalità organizzata attraverso opere di demolizione e ricostruzione, ristrutturazione e adeguamento per le finalità prescritte nel decreto di destinazione, ex art. 47, comma 2, del D. Lgs. n. 159/2011.

“Riappropriarsi dei beni sottratti alla criminalità organizzata – ha affermato il prefetto Chiara Armenia – e reinserirli nel circuito legale per soddisfare finalità sociali e istituzionali significa riaffermare la legalità nei territori di appartenenza, spesso privi di spazi e luoghi a servizio della collettività”.

Il prefetto ha dunque invitato le Amministrazioni comunali del territorio a indirizzare i progetti al fine di creare strutture socio-sanitarie, centri diurni, spazi pubblici destinati alla collettività, spazi socio-culturali per i giovani o destinati a fini istituzionali. Da parte loro i rappresentanti dei Comuni, già lavoro da settimane sui progetti, hanno presentato le loro idee per valorizzare al meglio i beni confiscati alla mafia.

All’incontro erano presenti anche i rappresentanti dell’Agenzia nazionale dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata di Reggio Calabria, che hanno fornito chiarimenti importanti su come poter superare alcune criticità legate all’espletamento di adempimenti formali richiesti ai fini della partecipazione al bando.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001