Cannabis terapeutica coltivabile in casa, piccoli passi avanti - QdS

Cannabis terapeutica coltivabile in casa, piccoli passi avanti

web-dr

Cannabis terapeutica coltivabile in casa, piccoli passi avanti

web-dr |
giovedì 09 Settembre 2021 - 13:10

La vice presidentessa del Comitato Pazienti Cannabis Medica Sicilia, Santa Sarta: “Bene, ma restano esclusi 20 mila malati”

Una grande battaglia dalle conquiste graduali, potremmo definire così lo stato dell’arte nella dialettica Stato – pazienti italiani in cura con cannabis terapeutica, impegnati attraverso le associazioni territoriali ad affermare il diritto all’accesso ai farmaci cannabinoidi.

Un diritto sancito ma troppo spesso non reale, a fronte di spese che per i malati si aggirano tra i 300€ e i 500€ euro mensili e ricordiamo come, in Sicilia, la possibilità di reperire le prescrizioni gratuite in farmacia sia plausibile solo nelle città di Ragusa, Messina e Catania, Caltanissetta e Trapani.

La politica si è
mossa e ha dato il proprio contributo direttamente da Roma con l’approvazione
in Commissione Giustizia del testo base che liberalizza la coltivazione fino a
4 piante femmina in casa.

Il testo è stato presentato da Riccardo Magi di +Europa, ma è stato supportato anche dall’impegno della deputata siciliana Caterina Licatini del Movimento Cinque Stelle.

Non è stato
approvato all’unanimità, ma con voto contrario di Lega, Fratelli d’Italia,
Coraggio Italia e ha visto l’astensione di Italia Viva.

Quello romano è un
quadro politico che non rispecchia le intenzioni di diverse regioni sulla
materia, i territori infatti sembrano favorevoli in toto a importanti aperture
e lo è certamente la Sicilia.

A confermare questo indirizzo e anche far luce sugli aspetti che non rendono del tutto “soddisfacente” la nuova depenalizzazione è la vice presidentessa del Comitato Pazienti Cannabis Medica Sicilia, Santa Sarta.

“Spero le forze
politiche che hanno votato contro si rendano conto come nelle regioni ci sia un
umore completamente differente. In Sicilia, ad esempio, la Cannabis terapeutica
è sostenuta da tutte le forze politiche, destre in primis – commenta la vice
presidentessa siciliana -. Stavamo ovviamente seguendo i lavori della
Commissione e accogliamo positivamente questa azione della politica, per questo
ci aspettiamo anche un rispetto degli impegni presi dal Ministero della Salute
e in particolare l’autorizzazione alla coltivazione di cannabis anche per
associazioni e caregivers.

Uso personale ma
non solo, perché questa opportunità tutela solo il 2 per cento dei pazienti su
20 mila e non supplisce ad un bisogno di 700 tonnellate di prodotto. Il passo è
positivo, ma dobbiamo tutelare tutti perché i pazienti più fragili restano
esclusi, penso ai giovanissimi per cui sono necessarie officine farmaceutiche o
l’appoggio delle associazioni per accedere al farmaco”.

Il testo non è
ancora pronto per l’approvazione in aula, la prospettiva rivoluzionaria per i
malati è portata dalla depenalizzazione della coltivazione domestica ad uso
personale, contestualmente vengono
inasprite le pene per coloro che, pur avendo autorizzazione alla coltivazione
in casa, cedono illecitamente le sostanze (reclusione da 8 a 20 anni e multa da
30 mila a 300 mila euro).

Chiara Borzì

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001