Carabinieri Palermo, restituiti reperti archeologici e non solo - QdS

Carabinieri Palermo, restituiti reperti archeologici e non solo

redazione web

Carabinieri Palermo, restituiti reperti archeologici e non solo

venerdì 14 Maggio 2021 - 09:32

Erano stati rubati. Ritrovati anche libri rari, dipinti e pergamene, anche questi di provenienza furtiva. Il bilancio annuale del Nucleo tutela patrimonio culturale nel 2020 in Sicilia

Sono stati 168 i reperti archeologici sequestrati lo scorso anno dai Carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale di Palermo.

Vasi, coppe, anfore, brocche, alcuni di età preistorica, altri di epoca compresa tra il IV sec. a.C. e il I sec. Dc tenute in modo illegale nelle abitazioni o trovate in vendita da antiquari o commercianti.

E’ solo una delle tante attività svolte lo scorso anno dai militari che hanno presentato un bilancio della loro attività.

Sono stati recuperati e sequestrati oltre 5.000 documenti archivistici (manoscritti, opuscoli, rolli), di epoca compresa tra il 1400 e il 1800, di pertinenza del Comune e della Diocesi di Mazara del Vallo (Trapani).

Anche una pergamena “Bolla Papale” del 1304, firmata da Papa Benedetto XI, posta in vendita in una casa d’aste.

E’ stato ritrovato un volume “Vita di Sant’Oliva, del 1700 rubato nel 1993 dalla bibliotecari Sant’Agostino di Alcamo (Tp). E poi ancora monete e documenti trovati in vendita in alcuni siti di e-commerce.

L’elenco dei beni culturali recuperati in un solo anno è molto lungo.

I Carabinieri hanno restituito alla Soprintendenza Archivistica della Sicilia – Archivio di Stato di Palermo, 19 carte topografiche, di vari Comuni siciliani, databili alla prima metà del XIX sec, prodotte in epoca preunitaria da Uffici ed Enti del Regno delle Due Sicilie.

Alla Biblioteca “Ludovico II De Torres” del seminario arcivescovile di Monreale (Palermo), 49 libri antichi, di epoca compresa tra il 1600 ed il 1800, rubati nel 1989 ai Renda Pitti, che li aveva donati alla Diocesi di Monreale.

Alla Biblioteca comunale “Leonardo Sciascia”, di Palermo, cinque preziosi libri rubati, di epoca compresa tra il 1600 e il 1800.

Alla chiesa di San Domenico di Castelvetrano (Trapani), un importante dipinto, olio su tela, raffigurante “la visitazione della Madonna”, rubato nel 1982.

Per quanto riguarda i furti nei siti archeologici il nucleo Tpc ha sequestrato 1996 importanti reperti rubati. Lo scorso anno si è registrato un incremento del numero dei reati.

Infatti i furti commessi, nel 2020, nell’intero territorio siciliano, sono stati 24, a fronte dei 14 dell’anno precedente. Sono state denunciate 34 perone accusate di furto ricettazione e contraffazione di opere d’arte e sequestrati beni per 6 milioni di euro.

I beni recuperati sono stati riconsegnati ai musei, chiese, e alla Regione.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684