Caro biglietti isole minori, Falcone: "La Regione ha fatto la sua parte"

Caro biglietti nelle isole minori siciliane, Falcone: “La Regione ha fatto la sua parte”

webms

Caro biglietti nelle isole minori siciliane, Falcone: “La Regione ha fatto la sua parte”

webms |
mercoledì 22 Giugno 2022 - 16:48

Si continua a parlare di caro biglietti in Sicilia: l'assessore Falcone replica a Christian Del Bono, presidente Federalberghi per le isole minori.

Continua il botta e risposta tra l’assessore regionale alle Infrastrutture e Trasporti Marco Falcone e il presidente di Federalberghi isole minori Christian Del Bono sullo spinoso argomento dell’aumento del 20% a partire da oggi dei biglietti per i trasporti da e per le isole minori.

In una nota di alcuni giorni fa, l’assessore aveva criticato il silenzio assoluto del ministro Giovannini sui fondi da destinare ai trasporti e, di conseguenza, alla risoluzione del problema del caro biglietti nelle isole minori.

Caro biglietti isole minori siciliane, “botta e risposta” tra Falcone e Del Bono

Nelle sue dichiarazioni, l’assessore Falcone aveva aggiunto anche che, qualora non ci fosse stato un chiarimento, la Regione avrebbe sollecitato persino il presidente del Consiglio Mario Draghi.

Il giorno dopo, Federalberghi – col suo presidente del Bono – aveva stigmatizzato sulla vicenda, spiegando che la Regione non aveva gestito a dovere i rapporti col Governo nazionale in materia di caro biglietti.

A stretto giro di posta l’assessore ha replicato con una nota a Del Bono: “Vorrei tranquillizzare il rappresentante Federalberghi Del Bono, intervenuto sull’imminente rincaro dei collegamenti marittimi per le Isole minori pagati dallo Stato. Il governo Musumeci ha fatto la propria parte, non solo utilizzando ben 20 milioni per stoppare gli aumenti sulle tratte sostenute dalla Regione, ma anche mettendo in campo tutta la propria credibilità per convincere innanzitutto gli armatori convenzionati con lo Stato a ritardare per ben due volte il già stabilito adeguamento dei prezzi, poi limitato a solo il 20 per cento grazie al nostro intervento. Per altro verso, abbiamo scritto più volte a Roma e interloquito costantemente con il Ministero”.

“Fino a stamane (ieri ndr) abbiamo inviato un messaggio al ministro Giovannini chiedendo un’immediata convocazione di un tavolo tecnico per assicurare la sostenibilità delle linee ex Siremar. Purtroppo il Governo nazionale continua a fare finta di nulla. Del Bono farebbe bene, dunque, a evitare strumentalizzazioni, indirizzando le sue lamentele verso chi ha diretta competenza sulla materia e ha tutte le condizioni per disporre adeguati provvedimenti. Noi lo sosterremo”.

Del Bono appena ieri, in un colloquio col Qds, aveva preannunciato la richiesta di un incontro con il ministro Giovannini, sollecitando tutti i sindaci delle isole minori a farsi portavoce di una richiesta di incontro a livello governativo.

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684