Reddito cittadinanza, a Cassaro il 30% dei richiedenti ha truffato lo Stato - QdS

Reddito cittadinanza, a Cassaro il 30% dei richiedenti ha truffato lo Stato

web-mp

Reddito cittadinanza, a Cassaro il 30% dei richiedenti ha truffato lo Stato

web-mp |
mercoledì 19 Gennaio 2022 - 09:47

Nove persone sono state denunciate alla Procura della Repubblica di Siracusa. I militari hanno accertato false dichiarazioni di residenza e assenza di consumi di elettricità e produzione di rifiuti

Il 30% dei richiedenti il “reddito di cittadinanza” hanno truffato lo Stato. E’ quanto è emerso da un’indagine condotta dai Carabinieri della Stazione a Cassaro, in provincia di Siracusa, in collaborazione con i militari del Nucleo Ispettorato del lavoro aretuseo.

Alte percentuali di “furbetti del reddito” nei comuni montani

I militari hanno passato al setaccio le richieste di reddito di cittadinanza presentate dai residenti di alcuni dei comuni montani della provincia, rilevando illeciti da parte di 9 beneficiari. Sebbene il numero possa apparire esiguo, se posto a confronto con la popolazione residente dei predetti comuni e con le domande presentate, restituisce un risultato che fa riflettere.

False attestazioni per “acchiapparsi” il reddito

Oltre il 30% delle domande di reddito di cittadinanza era supportato da false attestazioni che i Carabinieri hanno rilevato al termine di un lavoro certosino e puntuale, attraverso l’incrocio dei dati con le informazioni presenti nelle banche dati di vari enti pubblici”, affermano gli investigatori.

I Carabinieri hanno accertato in alcuni casi false dichiarazioni di residenza, in altri, la totale assenza di consumo di energia elettrica o di produzione di rifiuti, segnali inequivocabili della fittizia residenza fornita per giustificare la richiesta del beneficio. I 9 sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Siracusa. (ANSA).

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684