Timpa di Leucatia, “misteriosi” vigilantes bloccano gli accessi - QdS

Timpa di Leucatia, “misteriosi” vigilantes bloccano gli accessi

Melania Tanteri

Timpa di Leucatia, “misteriosi” vigilantes bloccano gli accessi

martedì 08 Giugno 2021 - 00:02

Sopralluogo del gruppo consiliare del Movimento cinque stelle capitanato dal consigliere Graziano Bonaccorsi. L’associazione Sicilia antica prepara un esposto da presentare in Procura

CATANIA – Vigilantes privati per sorvegliare gli accessi della Timpa di Leucatia. Nelle ultime settimane, sono tantissime le segnalazioni di cittadini che solitamente frequentano l’area verde di Monte San Paolillo, nella zona tra Barriera e Canalicchio. Ma che hanno trovato personale privato a sbarrare gli accessi alla Timpa. Accessi fino a poco tempo fa assolutamente liberi, “anche perché strade comunali”, segnalano i cittadini.

“L’altro ieri sono stato bloccato da uno di loro, mentre provavo ad accedere da una strada che pensavo fosse pubblica – afferma un cittadino. Il ragazzo che mi ha bloccato diceva di non sapere neanche per conto di chi stesse bloccando l’accesso e mi ha detto che la mattina stessa erano stati chiamati i carabinieri per impedire l’ingresso ad altri ragazzi”.

Episodi numerosi che hanno fatto scattare il sopralluogo del gruppo consiliare del MoVimento 5 Stelle che, capitanato da Graziano Bonaccorsi, il consigliere che per primo ha acceso i riflettori su quanto sta accadendo alla Timpa di Leucatia, domenica si sono recati sui luoghi. Costatando l’impossibilità di accedere alle aree fino a quel momento fruibili.

“Oggi, insieme ai colleghi Valeria Diana e Dino Giarrusso, abbiamo fatto una visita ispettiva all’ingresso sud della ‘Timpa di Leucatia’ – scrive Bonaccorsi. Entrambi gli ingressi, zona nord (Battiati) e quello sud (Catania), da una decina di giorni sono interdetti da una ditta di vigilanza privata: cosa assurda oltre che ingiusta. Stiamo parlando di strade, in parte pubbliche e in parte private (non recintate), che da più di 20 anni permettono (servitù di passaggio) di raggiungere le zone umide della timpa e l’area dove scorre l’acqua della sorgente. La Timpa è di tutti – aggiunge – e non possiamo permettere che venga blindata una delle poche aree verdi dal grande valore naturalistico e archeologico”.

I vigili urbani, chiamati appositamente, non hanno potuto fare altro che allargare le braccia e prendere informazioni su quanto accaduto per approfondire successivamente, considerato che sulla via non vi sono recinti che indichino o meno la proprietà privata, ma neanche cartelli che stabiliscano il contrario.

Come spiega Nunzio Condorelli, il legale dell’associazione Sicilia antica, in prima linea per la tutela dell’area verde di Canalicchio. “La collina è percorsa da due strade – afferma. Quella nord-sud, via Lavatoio e via Leucatia Croce è comunale, come risulta dalle mappe catastali”. L’avvocato parla anche di un vincolo posto a tutela di tutta la collina, spiegando come l’associazione stia preparando un esposto da presentare alla Procura della Repubblica per l’occupazione di una strada pubblica, “dove – riferisce ancora il legale – è stato addirittura posizionato un cancello”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684

x