De Luca: "Resto al molo, aspetto deroga di Draghi o Speranza" - QdS

De Luca: “Resto al molo, aspetto deroga di Draghi o Speranza”

Web-al

De Luca: “Resto al molo, aspetto deroga di Draghi o Speranza”

Web-al |
martedì 18 Gennaio 2022 - 13:28

Il sindaco di Messina: "Le provocazioni hanno senso se tele giochi al tempo giusto. Tanta gente danneggiata da questa situazione"

Sono felice dell’ordinanza. Ma mi chiedo perché mi ha fatto fare tre giorni qua…“. Così il sindaco di Messina, Cateno De Luca appena letto dell’ordinanza di Musumeci che permette il passaggio sullo Stretto.

“Avrei fatto subito l’ordinanza”

“Adesso attendiamo se non arriva qualche ‘pernacchia’ da Roma”. “Mi auguro che Musumeci si sia sentito con il collega di Reggio Calabria perché adesso ci vuole una ordinanza omologa da parte del presidente della Calabria. Se fossi stato il presidente della Regione avrei fatto questa ordinanza subito, ovvero il 30 dicembre o il 9 di gennaio dopo avere chiesto le interlocuzioni e fatto le note”.

“Non avrei aspettato che tanta gente venisse danneggiata dalla situazione“, aggiunge, “le provocazioni hanno senso se le giochi al tempo giusto. Ma quando sei fuori tempo perché ti ritrovi per l’ennesima volta scavalcato dal sindaco di Messina su un tema che è tuo…allora ci troviamo di fronte alle buffonate istituzionali“.

Le Isole minori

“Rimango qui fino al provvedimento di Draghi o di Speranza e che estende la stessa deroga per le Isole minori“.
Lo ha detto il sindaco dimissionario, Cateno De Luca, parlando della sua protesta agli imbarcaderi di Messina contro il super green pass. “Il problema ancora non è risolto”, ha aggiunto.

L’ordinanza di Musumeci

Dalle 14 di oggi (martedì 18 gennaio) è consentito anche ai passeggeri privi di Green pass, diretti verso la Penisola, di attraversare lo Stretto di Messina con i traghetti.

La disposizione resta vigente fino alla cessazione dello stato di emergenza. La stessa facoltà è riconosciuta agli abitanti delle Isole minori siciliane. L’ordinanza è stata appena firmata dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, decorse inutilmente le 24 ore dall’ultimo appello al ministro della Salute Roberto Speranza, dopo quello rivolto il 5 gennaio al premier Draghi. Il provvedimento è adottato «al fine di garantire e salvaguardare la continuità territoriale, l’accesso e l’utilizzo dei mezzi marittimi di trasporto pubblico per l’attraversamento dello Stretto di Messina nonché per i collegamenti da e per le Isole minori siciliane».

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684