Censimento, coinvolte novemila famiglie, in 3.500 hanno già risposto ai questionari - QdS

Censimento, coinvolte novemila famiglie, in 3.500 hanno già risposto ai questionari

redazione

Censimento, coinvolte novemila famiglie, in 3.500 hanno già risposto ai questionari

mercoledì 06 Novembre 2019 - 00:03
Censimento, coinvolte novemila famiglie, in 3.500 hanno già risposto ai questionari

Dallo scorso primo ottobre sono in corso due distinte rilevazioni: quella Areale e quella da Lista. Indagine fondamentale per misurare le caratteristiche socio-economiche della popolazione

PALERMO – Sono già oltre 3.500 le famiglie del capoluogo siciliano che hanno partecipato al Censimento permanente, rispondendo alle domande contenute nel questionario di rilevazione.

L’indagine, che rappresenta uno strumento fondamentale per misurare le principali caratteristiche socio-economiche della popolazione dimorante abitualmente in Italia, è stata avviato lo scorso primo ottobre 2019, e prevede lo svolgimento di due rilevazioni: quella Areale e quella da Lista.

Le famiglie coinvolte sono complessivamente circa 9.000 su un totale di circa 260.000 famiglie residenti a Palermo. Le modalità di partecipazione sono diverse e variano in funzione sia della specifica indagine in cui sono coinvolti i vari nuclei familiari che dalla particolare fase della rilevazione in corso.

La rilevazione Areale prevede che i rilevatori incaricati dal Comune si rechino presso le famiglie dimoranti in uno degli indirizzi che rientrano nel campione e procedano all’intervista. Dal primo al 9 ottobre le famiglie coinvolte in questa rilevazione sono state avvisate dell’avvio della rilevazione attraverso una locandina affissa su androni, cortili dei palazzi, abitazioni e hanno ricevuto nella cassetta della posta una busta contenente una lettera ufficiale firmata dal presidente dell’Istat e un pieghevole informativo.

A partire dallo scorso 10 ottobre e fino al prossimo 13 novembre le famiglie saranno contattate da uno dei 43 rilevatori incaricati dal Comune per procedere all’intervista con l’ausilio di un tablet. A una settimana dalla conclusione della rilevazione Areale sono ancora circa cinquecento le famiglie palermitane che devono essere censite.

La rilevazione da Lista, invece, prevede che le famiglie coinvolte ricevano una lettera ufficiale a firma del presidente dell’Istat e un pieghevole informativo. La lettera fornisce le credenziali di accesso al questionario on-line e tutti i contatti per ricevere assistenza e chiarimenti. Il pieghevole contiene informazioni utili sul Censimento.

Dallo scorso 7 ottobre, le famiglie campione della rilevazione da Lista possono compilare il questionario on-line, utilizzando le credenziali di accesso riportate nella lettera informativa ricevuta o, in alternativa, possono recarsi presso uno dei Centri comunali di rilevazione (Ccr), che rimangono attivi per tutta la durata dell’operazione censuaria. Dopo le prime quattro settimane di rilevazione il 27% delle famiglie palermitane coinvolte nell’indagine da Lista ha già provveduto a compilare il questionario on-line, in autonomia o con il supporto dei Ccr.

A partire da venerdì 8 novembre e fino al 20 dicembre le famiglie che non avranno ancora compilato il questionario verranno contattate da uno dei 73 rilevatori incaricati dal Comune (tutti identificabili attraverso un tesserino di riconoscimento), che procederanno all’intervista con l’ausilio di un tablet.

“Il Censimento permanente – hanno ricordato dall’Istat – compreso tra le rilevazioni statistiche d’interesse pubblico, è inserito nel Programma statistico nazionale. L’obbligo di risposta è sancito dall’art.7 del decreto legislativo n. 322/1989 e dal Dpr 31 gennaio 2018. La violazione di tale obbligo sarà sanzionata ai sensi degli art. 7 e 11 del decreto legislativo n. 322/1989 e del medesimo Dpr 31 gennaio 2018”.

Tutte le informazioni raccolte sono tutelate dal segreto statistico e potranno essere diffuse soltanto in forma aggregata, in modo tale che non sia possibile risalire ai soggetti che le forniscono o ai quali si riferiscono. “Il trattamento dei dati personali – hanno concluso dall’Istituto nazionale di statistica – verrà effettuato in conformità alla disciplina dettata dal Regolamento (Ue) 2016/679, dal Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 – come modificato e integrato da ultimo dal Decreto Legislativo 10 agosto 2018, n. 101 – e dalle Regole deontologiche per trattamenti a fini statistici o di ricerca scientifica effettuati nell’ambito del Sistema statistico nazionale”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684