Con l’Rc familiare risparmi fino al 58% - QdS

Con l’Rc familiare risparmi fino al 58%

Marco Carlino

Con l’Rc familiare risparmi fino al 58%

mercoledì 24 Giugno 2020 - 00:00
Con l’Rc familiare risparmi fino al 58%

Indagine di Facile.it su un campione di oltre 87.000 preventivi raccolti tra Milano, Roma e Palermo. Passare dalla classe 14 alla 1 fa risparmiare 501 euro per un’auto, 425 per una moto

MILANO – Il risparmio massimo conseguito da chi ha usato l’RC familiare per assicurare un’auto è stato pari al 58%, mentre per le due ruote è arrivato al 54%. Questo è quanto emerge dall’indagine realizzata da Facile.it su un campione di oltre 87 mila preventivi raccolti fra febbraio e maggio.

In valori assoluti, spiega la Web company, ciò significa che chi ha usufruito della norma su un’auto, passando da una classe 14 ad una classe 1, ha risparmiato, in media, 501 euro; per una moto, invece, il risparmio è stato di circa 425 euro.

Secondo i dati raccolti da Facile.it, in Italia per assicurare un’auto in classe 14 occorrono, in media, 857 euro. Usufruendo della polizza formato famiglia ed ereditando la prima classe maturata su un altro veicolo presente nel nucleo familiare, il costo scende a 356 euro, con un risparmio di ben 501 euro, pari al 58%. L’analisi è stata realizzata a livello nazionale e su tre province campione (Milano, Roma e Palermo).

Esaminando i dati relativi alle tre province, il risparmio in termini percentuali è considerevole. A Palermo il risparmio massimo rilevato si attesa al 57%; il premio medio Rc auto per un veicolo in classe 14 nel capoluogo siciliano è pari a 916 euro; valore che scende a 397 euro se si eredita una classe 1 grazie all’RC familiare, con un risparmio di 519 euro.

A Roma, invece, il risparmio massimo rilevato arriva, in media, al 55%; nella Capitale, per assicurare un veicolo a quattro ruote in classe 14 occorrono, sempre in media, 766 euro, mentre se si eredita una classe 1 grazie all’Rc familiare il prezzo scende a 347 euro, con un risparmio di 419 euro. A Milano, invece, assicurare un’auto in classe 14 costa, in media, 648 euro; per chi può approfittare dell’Rc familiare, ereditando una classe 1, il costo scende a 233 euro, con un risparmio che arriva addirittura al 64%.

Per quanto riguarda le classi intermedie il risparmio è meno accentuato. Se passare dalla classe 14 alla classe 1 grazie all’Rc familiare consente di abbattere il premio Rc auto di oltre il 50%, il risparmio si riduce man mano che migliora la classe di merito di chi beneficia della norma. Osservando i valori nazionali, un automobilista che, ad esempio, passa dalla classe 13 alla classe 1, risparmia il 45%. Se il passaggio avviene da una classe 10 alla classe 1, il risparmio si ferma al 25% e, infine se l’utente si muove dalla classe 6 alla classe 1, il premio medio si riduce solo dell’11%

Ma non solo quattro ruote, l’introduzione dell’Rc familiare ha portato notevoli risparmi alle tasche degli italiani che preferiscono i veicoli a dure ruote. A livello nazionale, infatti, per assicurare un motoveicolo in classe 14 occorrono, in media, 791 euro; usufruendo dell’Rc familiare ed ereditando la classe 1 maturata su un altro veicolo presente all’interno del nucleo, il costo scende a 365 euro, con un risparmio di 425 euro, pari al 54%. Anche in questo caso, in termini percentuali, il valore del risparmio massimo conseguibile resta piuttosto omogeneo nelle tre province analizzate. A Palermo, approfittare dell’Rc familiare per una moto (passando da una classe 14 ad una classe 1), significa risparmiare il 54% del premio, percentuale maggiore rispetto a Roma (47%) e Milano (48%).

Rimanendo in tema di assicurazioni, secondo un rapporto dell’Ivass, nel 2019 le imprese italiane ed estere del settore che operano in Italia hanno ricevuto 91.631 reclami, in diminuzione del 5,8% rispetto all’anno precedente. L’Rc auto si conferma il comparto con il maggior numero (45.5% del totale) di esposti, soprattutto per le compagnie italiane (48% rispetto al 26,6% del totale reclami ricevuti dalle imprese estere).

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684