Conti correnti, banche italiane più care - QdS

Conti correnti, banche italiane più care

redazione

Conti correnti, banche italiane più care

mercoledì 04 Marzo 2020 - 00:00

SosTariffe.it ha stimato le disparità di costi bancari per tre diversi profili di consumo. Istituti di credito esteri più convenienti. Le differenze si percepiscono se si è single e in coppia

ROMA – Affidare i nostri risparmi a una banca estera attiva anche in Italia conviene di più rispetto a scegliere un istituto di credito nostrano. Le banche italiane infatti presentano costi maggiori sia se optiamo per l’internet banking, sia per le operazioni in filiale. Spende di più anche chi accede a un utilizzo misto online e non dei servizi bancari. SosTariffe.it nel suo ultimo osservatorio ha indagato le differenze dei costi sostenuti dai correntisti delle une e delle altre.

Banche italiane: i costi incidono di più sulle famiglie

L’analisi ha preso in esame tre differenti profili di consumo. I single, le coppie e le famiglie con figli. Sono queste ultime le più penalizzate nella scelta di una banca italiana, arrivando a spendere in media circa 28,12 euro in più rispetto ai costi annuali che potrebbero sostenere con i conti correnti di una banca estera. L’indagine distingue altresì i prezzi in caso di utilizzo tradizionale della banca (con operazioni in filiale, agli ATM e allo sportello), uso telematico e uso misto (metà online e metà offline). I dati medi adoperati per lo studio sono stati ricavati a febbraio 2020 tramite le condizioni economiche pubblicate sui fogli informativi dei principali prodotti di ben trenta istituti di credito italiani e stranieri attivi nel nostro Paese.

Utilizzo del conto senza internet: con il “made in Italy” le coppie spendono di più

Lo studio prende in esame anzitutto l’utilizzo tradizionale del conto corrente, dunque con operazioni in filiale, prelievi allo sportello e tramite gli ATM. Questi servizi bancari costano in media sempre di più nelle banche italiane rispetto a quelle estere. In media un single spende ogni anno 78,32 euro con un istituto di credito italiano e soli 65,70 euro con una banca straniera.
Le coppie sono le più penalizzate: un conto corrente in una banca italiana costa loro 91,73 euro l’anno, a fronte di soli 64,60 euro in banche estere, quindi 27 euro in più. Va male anche alle famiglie, che per accedere agli stessi servizi spendono 105,50 euro in un anno per depositare i propri risparmi in banche italiane e invece 79,10 euro, quindi molti meno, in istituti di credito stranieri.

Conto online: banche italiane impongono i costi maggiori ai nuclei famigliari

Il divario di prezzi si riflette anche sull’utilizzo soltanto online dei servizi bancari. Scegliere l’internet banking di un istituto di credito italiano costa circa 20 euro in più a un single (che in una banca italiana spende in media 48,15 euro l’anno e in una estera 28,61).
Alle coppie la stessa scelta costa invece circa 25 euro in più (con una spesa annua nelle banche italiane di 65,65 euro e di 40,86 euro in istituti esteri).
Le differenze di prezzo sono avvertite soprattutto dalle famiglie che spendono ogni anno almeno 30 euro in più sto optando per una banca italiana (76,41 euro conto italiano a fronte di 46,76 euro per un conto estero).

Conto misto: scegliendo le banche italiane le famiglie ne risentono di più

Discorso analogo anche in caso di utilizzo misto (tradizionale e telematico insieme) del conto corrente. preferire una banca italiana ai single viene a costare 21,62 euro in più (con una spesa di 62,35 euro annui nelle banche italiane e 40,73 nelle banche estere).
Alle coppie 26 euro in più (con una media di 81,47 negli istituti di credito made in Italy e 55,49 euro nelle banche estere).
Chi ne risente di più sono come al solito le famiglie, che arrivano a spendere ogni anno 28,29 euro in più (89,74 con una banca italiana e 61,46 con una straniera).

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684