Lavoro "nero" e irregolare a Paternò, due denunce - QdS

La “piaga” del lavoro nero e poco sicuro nel Catanese: scattano denunce e sanzioni

webms

La “piaga” del lavoro nero e poco sicuro nel Catanese: scattano denunce e sanzioni

Redazione  |
giovedì 17 Agosto 2023

I carabinieri di Paternò, supportati dai colleghi del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Catania, hanno effettuato un servizio di controllo del territorio contro il lavoro “nero” e le altre irregolarità nelle attività e hanno denunciato due imprenditori.

L’intervento rientra nell’ambito dell’operazione “Buona Estate Sicura”, finalizzata a vigilare sulla violazione delle norme che regolano la normale vita di cittadini e turisti e a garantire la sicurezza pubblica soprattutto nell’intenso periodo estivo.

Lavoro “nero” e irregolare a Paternò e dintorni, due denunce

In particolare, i militari delle stazioni carabinieri di Belpasso, Adrano e Biancavilla, nell’ambito dei rispettivi territori di competenza, hanno sottoposto a controllo diverse attività commerciali, denunciando per omessa sorveglianza sanitaria dei lavoratori due imprenditori, un 43enne e un 35enne, titolari di due aziende, situate rispettivamente a Belpasso e ad Adrano, la prima esercente attività di coltivazione diretta e la seconda di lavorazione marmi. Nei confronti di quest’ultima è stato anche emesso un provvedimento di sospensione dell’attività lavorativa.

Nel corso delle verifiche è emerso anche che in una ditta di assicurazioni di Paternò e in un autonoleggio di Belpasso erano stati impiegati cinque lavoratori in “nero”, di cui uno nella prima e i restanti nella seconda attività commerciale. Pertanto, i carabinieri hanno proceduto a elevare nei confronti dei titolari ammende per 1.230 euro e sanzioni amministrative per complessivi 36.000 euro, recuperando contributi previdenziali per 4.800 euro.

Immagine di repertorio

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001
Change privacy settings
Quotidiano di Sicilia usufruisce dei contributi di cui al D.lgs n. 70/2017