Coronavirus, a Palermo “tampone sospeso” per gli indigenti - QdS

Coronavirus, a Palermo “tampone sospeso” per gli indigenti

redazione web

Coronavirus, a Palermo “tampone sospeso” per gli indigenti

venerdì 11 Dicembre 2020 - 00:12

L’iniziativa benefica che ricorda il napoletano “caffè sospeso” e le collette alimentari, è nata in Sicilia da una serie di persone che hanno pensato bene di fare delle donazioni per chi non può permettersi il test anti-covid. se il budget delle donazioni dovesse finire “l'azienda Policlinico è pronta a intervenire"

L’iniziativa di beneficenza è
destinata a coloro che hanno bisogno di sottoporsi al tampone per verificare se
sono stati contagiati dal covid-19 ma non sono in condizioni economiche di
pagare il test.

Adesso potranno usufruire, a Palermo,
del “tampone sospeso” in forma gratuita.

Il progetto è partito grazie alla
donazione di una paziente che vuol restare anonima ed è rivolta a persone meno
abbienti che potranno essere sottoposti a un test antigenico o molecolare in
maniera senza pagare.

Il servizio si svolgerà in modalità
drive-in nelle postazione del policlinico universitario “Paolo
Giaccone”.

L’idea, che si richiama al famoso
“caffé sospeso” nei bar di Napoli, è rivolta a chi ha che ha un
modello Isee inferiore a ottomila euro.

L’utente che ha dato il via alla
campagna di solidarietà, dopo aver fruito del servizio tamponi drive-in, ha
deciso di offrire una somma per consentire a chi non ha possibilità essere
sottoposto all’esame.

Nel frattempo, però si sono già fatti
avanti altri due benefattori pronti a devolvere altre somme per il costo del
test: 15 euro per l’antigenico e 50 euro per il tampone molecolare, così come
indicato dalla Regione Siciliana.

“Oggi incontreremo queste due
persone che si aggiungono alla prima utente che ha voluto donare la somma a
favore dei meno fortunati, siamo molto contenti della sensibilità che in tanti
stanno dimostrando”, ha spiegato il professor Alberto Firenze,
responsabile dell’Unità di Staff Risk Management e Qualità del policlinico di
Palermo.

Ma se il budget delle donazioni
dovesse finire “l’azienda è pronta a intervenire”.

“L’iniziativa di beneficenza
proseguirà – ha confermato Alessandro Caltagirone, commissario straordinario
del policlinico – sarà l’azienda a sostenere le spese de test per dare seguito
all’iniziativa benefica”.

L’unità del policlinico di Palermo,
dallo scorso maggio a oggi, ha effettuato circa cinquemila tamponi molecolari e
più di ottomila tamponi rapidi in modalità drive in, grazie al team formato da quaranta
infermieri, quattro medici e diversi assistenti sanitari a supporto che operano
in squadre da quattro persone ed effettuano i test dal lunedì al venerdì e se
necessario anche il sabato, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

Il martedì e il giovedì sono dedicati
anche al personale, docenti, amministrativi e studenti dell’Università di
Palermo, con la quale è stata firmata una convenzione. Basta richiedere l’esame
sulla piattaforma appositamente condivisa tra Policlinico e Università di
Palermo.

“Tutti gli utenti che vorranno
usufruire del servizio – ha concluso Firenze – dovranno prenotarsi al telefono
3669336815 indicando tutti i dati richiesti per effettuare il test. Chiunque
voglia donare un numero di ‘tamponi sospesi’ può contattarci, daremo un codice
per effettuare il pagamento attraverso Lottomatica o con la nostra cassa
ticket”.

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684