“Costa Sicana”, 5 comuni fanno rete per il turismo - QdS

“Costa Sicana”, 5 comuni fanno rete per il turismo

Pietro Vultaggio

“Costa Sicana”, 5 comuni fanno rete per il turismo

sabato 11 Luglio 2020 - 00:00
“Costa Sicana”, 5 comuni fanno rete per il turismo

“Lavoro sinergico tra le istituzioni per promuovere nuovi investimenti e progettualità”. Si tratta di Porto Empedocle, Realmonte, Siculiana, Montallegro e Cattolica Eraclea

AGRIGENTO – Nasce il progetto “Costa Sicana”, cinque comuni agrigentini insieme per attirare turisti. Si tratta di Porto Empedocle, Realmonte, Siculiana, Montallegro, Cattolica Eraclea, che coopereranno per uno sviluppo fattivo del territorio e per contrastare il fermo causato dal Covid-19.
Si è provveduto alla distribuzione dei ruoli con l’assessore al Turismo Sal Di Betta di Porto Empedocle, il quale ricoprirà il ruolo di rappresentante regionale, invece Enzo Zambito di Siculiana sarà il coordinatore delle associazioni coinvolte nell’Unione.

I Municipi si stanno consorziando per “mettere a profitto le peculiarità geomorfologiche e territoriali per rilanciare quest’area agrigentina della fascia costiera da un punto di vista turistico, sfruttando risorse e progettualità per la valorizzazione e la promozione di cinque comuni marinari”, questo quanto fanno sapere in un comunicato stampa congiunto.

“Oggi – dichiara l’assessore di Porto Empedocle, Sal Di Betta, in un comunicato stampa da lui stesso diffuso – parte un progetto che vede coinvolta un’area della Sicilia che, attraverso un lavoro sinergico e capillare, troverà nuova linfa per spingere investimenti e progettualità che devono avere ricadute benefiche sul territorio”.

“La nostre ricchezze – continua l’assessore al turismo – sono il mare, le spiagge e l’ospitalità, adesso si lavorerà per intercettare i fondi al fine di migliorare i servizi integrati, siamo tutti molto motivati e abbiamo le idee chiare. La Costa Sicana non è un’idea velleitaria ma è invece un progetto che può sostenere piani vincenti – conclude – per promuovere un territorio che deve aprirsi ai mercati emergenti, offrendo innovazione e valorizzando la nostra storia e la nostra identità”.

Innovazione, promozione e ripartenza, le parole chiave di questa idea. Basterebbe unire tutte le città della Penisola per combattere e risollevare una Terra fin troppo divisa dai suoi stessi abitanti.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684