Covid, Cascio, "Vaccini sicuri ma numero di trombosi preoccupa" - QdS

Covid, Cascio, “Vaccini sicuri ma numero di trombosi preoccupa”

Luigi Ansaloni

Covid, Cascio, “Vaccini sicuri ma numero di trombosi preoccupa”

domenica 04 Aprile 2021 - 10:50

A dirlo è il professor Antonio Cascio, direttore dell’unità di malattie infettive del Policlinico “Paolo Giaccone” di Palermo. I progressi del vaccino italiano e il pensiero sull'Europa

“Dobbiamo essere obiettivi. I vaccini sono sicuri, e lo dicono i numeri, ma sempre gli stessi numero dicono che le trombosi, che prima erano poche, pochissime, ora sono aumentate. E’ giustissimo essere molto attenti su questo, rimane un evento molto raro. Non dico di incrociare le dita quando ci si sottopone a vaccinazione, ma è giusto sottoporsi agli esami se ci sono dei sintomi”.

A dirlo è il professor Antonio Cascio, direttore dell’unità di malattie infettive del Policlinico “Paolo Giaccone” di Palermo.

“Non ci sono farmaci specifici da prendere prima o dopo. Mi rendo conto della paura che c’è, non è colpa di nessuno, non è dei giornali che fanno informazioni, anche se le notizie vengono amplificate in maniere impropria dai social.

Quello che voglio sottolineare è che bisogna vaccinarsi, perchè solo attraverso i vaccini possiamo uscire da quesa situazione – sottolinea Cascio -. I morti continuano ad esserci, ad una media di 500 al giorno, mentre negli altri Paesi che sono avanti con la campagna vaccinale abbiamo visto come i decessi siano crollati del tutto”.

Il professor Cascio è anche impegnato nella sperimentazione del vaccino tutto italiano contro il Covid, il ReiThera: “Siamo nella fase 2 , i risultati sono stati molto incoraggianti in fase uno, ora vedremo gli altri dati, stiamo ancora arruolando. La disponibilità? Entro fine anno è l’obiettivo, ma non sarà facile, e onestamente credo che andremo oltre”.

Perchè l’Europa è in ritardo? Ci si lamentava che il vaccino era fatto troppo velocemente, ora ci si lamenta della lentezza – sottolinea Cascio-. Sono stati investiti moltissimi soldi e sono state investite tante risorse. Magari paghiamo un eccesso di burocrazia, ma abbiamo fiori di scienziati e una maggior propensione alla sicurezza”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684