Il Covid dilaga in Sicilia, esplodono le polemiche: "Restrizioni tolte troppo presto" - QdS

Il Covid dilaga in Sicilia, esplodono le polemiche: “Restrizioni tolte troppo presto”

web-la

Il Covid dilaga in Sicilia, esplodono le polemiche: “Restrizioni tolte troppo presto”

web-la |
sabato 02 Luglio 2022 - 15:09

"E' assurdo che nell'incontro fra governo e parti sociali si sia ridotto l'obbligo della mascherina: non è sensato ridurre le protezioni sanitarie", dice Giorgio Parisi

Il Covid continua a creare problemi, e c’è già tra gli esperti chi critiche lo “sparire” delle restrizion. Continua a crescere la quota di italiani contagiati da Sars-CoV-2 dopo avere già superato precedenti infezioni Covid.

“Nell’ultima settimana la percentuale di reinfezioni sul totale dei casi segnalati risulta pari a 9,5%, in aumento rispetto alla settimana precedente (8,4%, dato con tempi di consolidamento maggiori rispetto ad altre informazioni)”.

E’ quanto emerge dal report esteso dell’Istituto superiore di sanità sull’andamento di Covid-19. Complessivamente, si legge, “dal 24 agosto 2021 al 28 giugno 2022 sono stati segnalati 587.347 casi di reinfezione, pari a 4,0% del totale dei casi notificati”.

Via le mascherine? Le critiche dei medici

“E’ assurdo che nell’incontro fra governo e parti sociali si sia ridotto l’obbligo della mascherina: non è sensato ridurre le protezioni sanitarie in un momento in cui l’epidemia di Covid-19 sta aumentando in modo esponenziale”.

Lo ha detto all’ANSA il Nobel Giorgio Parisi, riferendosi alla decisione presa il 30 giugno nel Protocollo di aggiornamento delle misure anti-Covid negli ambienti di lavoro e reso noto dal ministero del Lavoro dopo il confronto con i ministeri di Salute e Sviluppo economico, Inail e parti sociali.

L’epidemia di Covid-19 in Italia è entrata in una “zona di chiaro aumento esponenziale solido e costante da quasi due settimane”, ha affermato Parisi, che sta seguendo l’andamento della pandemia fin dagli inizi. “Ci troviamo in una situazione seria, nella quale i casi raddoppiano in poco più di dieci giorni e cominciano ad avere effetti anche sui ricoveri, che fra 10 giorni potranno superare i 10.000 nei reparti ordinari, mentre gli ingressi nelle terapie intensive sono raddoppiati rispetto a un mese fa”.

Covid in Sicilia, “assurdo eliminare le restrizioni: tornare indietro”

“I ricoveri in ospedale stanno risalendo, non è ancora allarme ma ci siamo quasi. L’errore più grande è stato eliminare l’obbligo di mascherina in bar, ristoranti, negozi, supermercati, teatri, stadi. Andava mantenuto ovunque ci fosse un super afflusso e una conseguente perdita del distanziamento. La semplice raccomandazione a utilizzare i dispositivi di protezione, come dimostrano i dati sul contagio, non serve a niente”, dice Massimo Farinella, direttore del reparto di Malattie Infettive dell’ospedale Cervello.

“Altra cosa sbagliata, credere che il virus in estate si attenui. Mai avute evidenze del genere – dice – È sempre passata questa teoria poiché in estate le persone si comportavano in maniera diversa, si iniziava a stare di più all’aperto e non chiusi dentro a un locale ma la mascherina negli anni passati c’era. Adesso no e questi sono i risultati. Bisogna avere il coraggio politico di passare dalla raccomandazione all’obbligo. Se non lo fa il governo nazionale, la Regione si assuma la responsabilità di farlo in Sicilia”.

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684