Covid, Galli: "Sbagliato eliminare l'uso delle mascherine con i casi in salita" - QdS

Covid, Galli: “Sbagliato eliminare l’uso delle mascherine con i casi in salita”

lamantia

Covid, Galli: “Sbagliato eliminare l’uso delle mascherine con i casi in salita”

giovedì 06 Ottobre 2022 - 15:45

“Stamattina ero sul pullmino affollato che porta all’aereo, saremo stati 4 o 5 con la mascherina. Io ce l’ho. Continuo a portarla ostinatamente. In ogni caso quelli con la mascherina sono una minoranza rispetto a chi ostentatamente non se la porta proprio. Hanno il diritto di farlo, perché c’è stata questa decisione” di lasciar cadere l’obbligo. A sottolinearlo all’Adnkronos Salute è Massimo Galli, già direttore del reparto di Malattie infettive dell’Ospedale Sacco di Milano.

“E’ una decisione non voglio dire inopportuna. E’ stato rispettato un programma in base al quale in questi giorni veniva tolto l’obbligo, ma ciò ha coinciso in maniera perfetta col nuovo espandersi dell’infezione. Abolire determinate misure prudenziali proprio all’inizio di ottobre è una grossa sciocchezza, anche perché poi ci si ritrova in questa situazione. Ma diventa una scelta frutto di un compromesso politico, che porta anche il Governo uscente a prendere delle decisioni che di scientifico e di medico non hanno nulla”.

Fra le indicazioni, quella di ripristinare l’uso della mascherina in spazi pubblici chiusi qualora peggiorasse l’andamento epidemiologico. “Visto che non si intende altro che l’obbligo, certamente sì che lo ripristinerei in certi contesti, almeno andando a vedere come funziona questa fase e come andrà a finire”, osserva l’infettivologo. “I funzionari tecnici del ministero ben li conosco e sono persone di altissima qualificazione – puntualizza – ma questa è una decisione solo politica che non ha contenuti tecnici. Dopodiché certamente non siamo nella situazione dell’anno scorso in questo stesso periodo, e men che meno in quella di 2 anni fa. Ritengo però che sia opportuno che la gente sappia che Covid è ricominciato, che non sarà grave come quello precedente, ma chi deve essere protetto va protetto”.

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001