Covid, impennata di contagi tra gli over 40, la Sicilia rischia - QdS

Covid, impennata di contagi tra gli over 40, la Sicilia rischia

redazione web

Covid, impennata di contagi tra gli over 40, la Sicilia rischia

domenica 22 Agosto 2021 - 08:01

In Italia oltre sei milioni i non vaccinati in questa fascia, mentre i più giovani, scegliendo d'immunizzarsi, hanno fatto calare il numero di positivi. Tra una settimana si decide sulla zona gialla

Crescono i contagi tra gli ultraquarantenni in Italia, una fetta di popolazione di cui oltre sei milioni e mezzo non sono ancora vaccinati. E forte dell’aumento costante di somministrazioni tra i più giovani, si registra un “rallentamento della crescita dei casi Covid nelle fascia 10-29 anni”.

I dati dell’Istituto superiore di Sanità – seppure con cifre non ancora consolidate – segnano nell’oceano dei numeri un nuovo spartiacque sulla diffusione del virus nel Paese, con l’aumento dell’ età mediana dei soggetti che hanno contratto l’infezione (32 anni).

Nel documento esteso del monitoraggio settimanale, si segnala crescita di casi “in tutte le fasce di età sopra i 40 anni” e si osserva in particolare che “l’incidenza nella fascia 50-59 per la prima volta da inizio maggio è superiore a 50 casi per 100.000 abitanti” (in questa categoria sono oltre 2 milioni gli italiani ancora senza siero).

E il numero dei giovanissimi (0-19 anni), fin dall’inizio della pandemia, resta relativamente basso: sono ‘solo’ 700.985 i casi e 31 le vittime di cui 6 sotto i tre anni.

L’Iss mette poi in evidenza che la letalità del Covid “è più elevata nei soggetti di sesso maschile, a partire dalla fascia di età 30-39 anni”.

Nonostante la crescita dei ricoveri, l’Italia resterà comunque tutta in zona bianca per almeno un’altra settimana. Ma si teme per il ritorno in giallo di alcune regioni – in particolare la Sicilia, ma anche Sardegna e Calabria – dalla prima settimana di settembre.

I dati dell’ultimo bollettino registrano il trend constante di 7.470 nuovi positivi (1.700 solo in Sicilia) e 45 vittime, con un tasso di positività in lieve calo al 2,9%. Sono 466 i posti letto attualmente occupati in terapia intensiva e 3.733 i ricoverati nei reparti ordinari.

Il Consiglio Nazionale delle Ricerche però annuncia miglioramenti nelle prossime settimana, almeno riguardo ai numeri delle vittime.

Se il trend epidemico rimane invariato, la curva media dei decessi “al momento con una crescita in accelerazione e di tipo esponenziale con tempo di raddoppio degli incrementi di circa 7 giorni, tra 1-3 settimane vedrà l’inizio della frenata della crescita”, assicura nella sua analisi il matematico Giovanni Sebastiani del Cnr.

Per quanto riguarda invece le terapie intensive, rileva Sebastiani, “da 7-10 giorni frena la crescita della curva media degli ingressi giornalieri”.

Andando ad analizzare il capitolo contagi “i dati – riferisce l’esperto – sembrano confermare che la curva media dei positivi totali a livello nazionale ha raggiunto un massimo circa 12 giorni fa”.
Analizzando invece i dati sull’occupazione dei posti letto Covid in Sicilia, il matematico fa anche notare che la regione “è sopra ad entrambe le soglie dei ricoverati nei reparti ordinari e nelle terapie intensive”.

Peggiora in queste ore anche la Sardegna, che è al 12% dei ricoveri in ‘area non critica’ (il limite per la zona bianca è il 15) e il 10% in rianimazione, raggiungendo qui la soglia massima. La Calabria, invece, è rispettivamente al 15 e 7%, la Sicilia al 18 e al 9%.

Qualunque sia il colore delle regioni nelle prossime settimane, resta comunque invariato l’obbligo del Green pass in diverse attività, dai ristoranti agli stadi.

Intanto, nella periferia di Roma un uomo ha esploso dei colpi di pistola contro un addetto alla sicurezza che lo aveva invitato a la mettere la mascherina per entrare nel supermercato.

Dopo una discussione, l’aggressore è tornato in auto, armato di pistola, sparando un colpo che fortunatamente non ha colpito il vigilante ma ha centrato una vetrata del negozio. Poi è scappato.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684