Palermo vaccini anti covid e tamponi per i profughi in fuga dall'Ucraina - QdS

Palermo vaccini anti covid e tamponi per i profughi in fuga dall’Ucraina

web-mp

Palermo vaccini anti covid e tamponi per i profughi in fuga dall’Ucraina

web-mp |
mercoledì 16 Marzo 2022 - 17:20

Primi vaccini e tamponi alla comunità ucraina alla Fiera del Mediterraneo di Palermo.

Da un paio di giorni adulti, ragazzi e bambini in fuga dalla guerra stanno arrivando all’hub per eseguire il test rapido per la rilevazione del Coronavirus o ricevere una dose di vaccino. Stessa attività che, dalla scorsa settimana, si sta svolgendo all’aeroporto internazionale Falcone Borsellino di Palermo.

Tra i cittadini ucraini giunti all’hub in queste ore, due sorelle di Kyiv. Si chiamano Tatiana e Yulia, 37 e 40 anni, in Italia con i loro quattro figli. Le ospita Yana, che vive in Sicilia da più di dieci anni, cresciuta insieme a Yulia, la sua amica di sempre.

“Adesso siamo in dieci a casa mia, è giunta anche mia mamma – racconta, accompagnandole in Fiera -. Hanno impiegato due giorni per arrivare, passando per l’Ungheria, tra la minaccia delle bombe e una fila chilometrica. Averle qui mi rende più tranquilla, ma loro sono distrutte. Il marito di Yulia è rimasto in Ucraina a combattere. Abbiamo saputo che due suoi compagni sono morti: è veramente dura”.

Yulia mostra una foto del marito in mimetica, con un accenno di sorriso orgoglioso e un’angoscia palpabile che non passa.

Tatiana ha un nastro legato allo zaino, con i colori gialloblu della bandiera ucraina. Negli uffici del back office del padiglione 20 della Fiera è stato assegnato loro un codice Stp, necessario per i cittadini stranieri sprovvisti di tessera sanitaria: permetterà loro l’accesso ai servizi sanitari essenziali. Dopodiché hanno fatto il tampone al drive-in.

Sempre in mattinata si sono sottoposti a test rapido e vaccinati Sabid e Hasan, 25 e 24 anni, cittadini bengalesi residenti a Odessa. Sono ospiti di una cugina a Palermo. All’hub della Fiera hanno ricevuto la loro terza dose, dopo la convalida delle vaccinazioni precedenti effettuata dal personale amministrativo dell’hub.

A fare da mediatore culturale Giorgi Kutchava, che fa parte del team di assistenti sociali in servizio alla Fiera del Mediterraneo: non ha lasciato neanche per un momento Yulia, Tatiana, Sabid e Hasan, garantendo loro tutta l’assistenza linguistica necessaria e informandoli sui servizi di cui potranno beneficiare. (ANSA).

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684