Covid Sicilia, Cascio, "O ci vacciniamo o a settembre altre chiusure" - QdS

Covid Sicilia, Cascio, “O ci vacciniamo o a settembre altre chiusure”

Luigi Ansaloni

Covid Sicilia, Cascio, “O ci vacciniamo o a settembre altre chiusure”

domenica 04 Luglio 2021 - 10:17

A qds.it parla il professore Antonio Cascio, direttore dell’unità di malattie infettive del Policlinico di Palermo, che spiega l’andamento del coronavirus nell’Isola

A qds.it parla il professore Antonio Cascio, direttore dell’unità di malattie infettive del Policlinico di Palermo, che spiega l’andamento del coronavirus nell’Isola: “Per ora la situazione è tranquilla, ma il Covid non è morto, tutt’altro. E i vaccini sono la nostra arma migliore. E si devono vaccinare anche i ragazzi, come ho fatto con i miei due figli maggiori, perchè io ci credo e dovremmo crederci tutti”.

Cascio ha poi parlato della variante Delta, che sta prendendo piede in tutta Europa e da noi tra settembre e ottobre avremo molti casi; “O ci vacciniamo tutti oppure a settembre ci sarà una nuova ondata e rischieremo altre chiusure. Ma questo, ripeto, solo se la vaccinazione andrà a rilento. Per ora siamo in zona bianca, gli ospedali si stanno svuotando, ma purtroppo la variante circola e non è escluso che ne spuntino nuove.

Tante persone non si sono vaccinate, quindi le previsioni per l’estate sono buone, ma a settembre qualcuno si infetterà e potranno finire in ospedale o morire. Il messaggio deve essere chiaro – dice Cascio – bisogna andare a vaccinarsi. Ci sono gli hub vaccinali vuoti, è un atteggiamento incomprensibile da parte di molte persone”.

Cascio dice anche di non sottovalutare l’impatto dei ragazzi: “Si possono infettare e possono infettare i più deboli, come successo lo scorso anno. Più il virus circa più spuntano nuove varianti. L’unica certezza è che il covid continuerà a circolare ma la vaccinazione ferma le forme più gravi della malattia, quindi questo vuol dire ospedali vuoti e molti meno morti”.

Il professore poi sottolinea: “Non ci vaccina in pandemia? Non la condivido per nulla. Abbiamo visto, ad esempio in Inghilterra e in Israele son crollati i morti”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684