Covid, troppi contagi tra gli atleti, sport a rischio caos - QdS

Covid, troppi contagi tra gli atleti, sport a rischio caos

web-mp

Covid, troppi contagi tra gli atleti, sport a rischio caos

web-mp |
martedì 28 Dicembre 2021 - 08:56

Dal calcio al tennis, dallo sci all'Nba, ogni giorno nuovi casi di Coronavirus. Ecco chi sono gli ultimi personaggi del mondo dello sport positivi, cosa succede in Italia e nel mondo tra stop e rinvii

In tutto il mondo anche lo sport è investito dalla nuova ondata di contagi spinta dalla variante Omicron e fa i conti con sempre più positivi, rinvii e stop in tantissime discipline.

Calcio, in Italia si ferma la Serie B, come cambia il calendario

Nel calcio, se in Italia ha deciso di fermarsi il campionato di serie B, che ha rinunciato ai turni in programma il 26 e 29 dicembre per riprendere il prossimo 13 gennaio per giocare i due recuperi dell’ultimo turno: Benevento-Monza e Lecce-Vicenza. Il 15 gennaio si disputerà la 19^ giornata (originariamente prevista per il 26 dicembre), il 22 gennaio invece si recupererà la 20^ (inizialmente pianificata per il 29 dicembre). Ci saranno due turni infrasettimanali il 15 e 22 febbraio. Il campionato si concluderà sempre il 6 maggio.

Casi positivi in almeno sette squadre

La Lega ha dovuto fare i conti con ben sette squadre alle prese con un numero elevato di atleti positivi. Si tratta di Ascoli, Pordenone, Monza, Lecce, Pisa, Como, Vicenza e Spal. Proprio a Ferrara si registra la situazione più preoccupante per un focolaio con almeno una ventina di contagiati. Il presidente Tacopina prima ancora delle decisioni della Lega aveva deciso di fermare la squadra sospendendo la vendita dei biglietti del doppio turno casalingo del 26 e del 29 dicembre contro Benevento e Pisa. La stessa cosa è accaduta al Monza, che dopo essere stato fermato dall’ATS Brianza per la partita contro il Benevento non potrà scendere in campo neppure contro Perugia e Reggina.

Il calcio inglese non si ferma, in Galles e Germania eventi sportivi a porte chiuse

La Premier League tiene duro ma accumula giorno dopo giorno nuovi rinvii, finora sono una quindicina, con tecnici e giocatori piuttosto critici sulla gestione di quella cha sta diventando un’emergenza.

In una settimana dal 20 al 26/12, sono stati fatti oltre 15mila tamponi, con 103 positività, un record. Sempre in Gran Bretagna, il Galles ha deciso che tutti gli eventi sportivi si svolgeranno ora a porte chiuse, così come in Germania, dove la Bundesliga riprenderà a giocare solo il 7 gennaio, appena dopo la serie A. In Scozia, la pausa invernale di tre settimane è stata anticipata a oggi invece del 3 gennaio.

Stop nel tennis, Djokovic positivo, spera di gareggiare Melbourne

Il tennis è quasi fermo, in attesa dell’inizio della nuova stagione in Australia, ma la pandemia metta a rischio quello che è l’evento più atteso di gennaio, l’Australian Open, al via il 17. Tre top player – Rafa Nadal, Denis Shapovalov e, oggi Andrey Rublev – hanno annunciato di essere positivi e le loro partecipazioni potrebbero essere rimesse in discussione. “Ora devo recuperare e andrò a Melbourne solo quando sarà sicuro per tutti”, ha detto il russo su Twitter. Il serbo numero uno al mondo Novak Djokovic, che non dichiara se è vaccinato o meno, deve annunciare entro fine anno se parteciperà al primo major a Melbourne, ma il suo entourage ha già detto che non farà l’Atp Cup (1-9 gennaio), torneo per Nazioni che rischia di partire zoppo.

Il mondo dello scii, positiva la fuoriclasse Usa Mikaela Shiffrin

Anche lo sci alpino non viene risparmiato: la statunitense Mikaela Shiffrin, leader della Coppa del Mondo, ha annunciato sui suoi social network di essere risultata positiva. Salterà di certo le gare di Lienz (Austria) di domani e mercoledì, che si terranno inoltre a porte chiuse. La fuoriclasse Usa si aggiunge nella lista dei positivi alla svizzera Lara Gut-Behrami, alla neozelandese Alice Robinson e alla austriaca Katharina Liensberger.

Usa, il campionato Nba prosegue

Oltreoceano, il campionato Nba tiene la rotta nella tempesta, ma ben 27 squadre su 30 hanno avuto uno o più contagi, con gli Atlanta Hawks rimasti senza undici giocatori e i Boston Celtics nove. E’ una corsa a mettere sotto contratto per pochi giorni giocatori del campionato riserve per sostituire gli assenti, ma ugualmente ogni giorno qualche match salta. Il campionato di hockey dovrebbe riprendere domani dopo essersi fermato quasi una settimana a causa dei contagi. Le partite rinviato finora sono 67 e pare che saranno recuperate durante le Olimpiadi invernali di Pechino, visto che i prof della Nhl hanno deciso di rinunciare.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684