Complottisti e refrattari al confronto, ecco l'identikit dei no-vax - QdS

Complottisti e refrattari al confronto, ecco l’identikit dei no-vax

web-j

Complottisti e refrattari al confronto, ecco l’identikit dei no-vax

web-j |
sabato 15 Gennaio 2022 - 17:24

Il profilo dei contrari alla vaccinazione emerge dalle ricerche discusse durante il web forum 'Psychiatric and Neurological Issues in the Covid-19 Era: Lessons for the Present and the Future'

I social network come unica e vera fonte di informazione, attrazione verso le teorie del complotto e riluttanza al confronto con chi cerca di sostenere ragioni diverse dalle loro. È questa l’identikit dei no vax che emerge dalle ricerche discusse durante il web forum ‘Psychiatric and Neurological Issues in the Covid-19 Era: Lessons for the Present and the Future’, organizzato dall’università degli Studi di Brescia e dalla Fondazione Internazionale Menarini. Gli esperti hanno ribadito come circa il 70% della popolazione desideri essere vaccinata, il 20-25% manifesti dubbi più o meno pronunciati ed esitazioni, mentre il restante 5-10% rappresenti la frangia degli irriducibilmente contrari.

Sfiducia nei confronti della scienza

Inoltre, emerge dal’analisi degli esperti, “i no vax hanno maggiore sfiducia nei confronti del sistema e della scienza in genere, dei politici e dei sanitari in particolare; hanno una più spiccata propensione a vivere in contesti caotici e di erosione sociale; sono più attratti e disposti a credere a complotti e altre false credenze, più condizionati da dati incontrollati circa l’efficacia e la sicurezza dei vaccini, più refrattari al confronto con tesi diverse dalle proprie e propendono all’autoritarismo”.

Sacchetti: “Usare la ragione non basta per convincerli”

Secondo Emilio Sacchetti, promotore e coordinatore scientifico del web forum e professore emerito di Psichiatria dell’ateneo bresciano “questo identikit dovrebbe indurci a una riflessione: promuovere la vaccinazione utilizzando il potere di convincimento della ragione non può bastare”. La somministrazione della vaccinazione al 90% circa della popolazione italiana – evidenzia lo psichiatra – indica infatti che la quota degli esitanti è ormai ridotta all’osso, perciò altri strumenti dovrebbero essere messi in atto per spingere gli irriducibili a vaccinarsi, come una comunicazione empatica ed emozionale. Inoltre, è altrettanto evidente che serva ora una massiccia campagna di rinforzo motivazionale per contrastare i dubbi che potrebbero essere prodotti dalla contro-informazione anti-vaccinale”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684