Vaccini, seconda dose dopo AstraZeneca "da rimandare", perché e in quali casi - QdS

Vaccini, seconda dose dopo AstraZeneca “da rimandare”, perché e in quali casi

web-iz

Vaccini, seconda dose dopo AstraZeneca “da rimandare”, perché e in quali casi

web-iz |
giovedì 17 Giugno 2021 - 14:12

Gli under 60 che hanno fatto la prima dose con AstraZeneca potrebbero rimandare la seconda dose. Almeno secondo Massimo Galli, che spiega come e perché verificare questa possibilità.

“L’idea di attendere per la somministrazione di una seconda dose agli under 60 che hanno fatto la prima dose con AstraZeneca, verificando prima la loro risposta anticorpale “è una mia posizione un po’ eretica che viene dal fatto che AstraZeneca inizialmente era stato impostato come vaccino a una sola dose e che ci sono dati piuttosto rassicuranti sull’efficacia della prima dose e sulla durata di questa efficacia”.

Lo ha detto Massimo Galli, direttore del dipartimento Malattie Infettive dell’ospedale Sacco parlando a a SkyTG24. E ha aggiunto: “Se oltre a confidare che la prima dose ti sia stata favorevole, hai anche la prova di anticorpi che dimostrano che tu hai risposto, rimandare la dose successiva non implica problemi particolari e ci consente, da questo punto di vista, di avere qualche mese che consenta una migliore definizione della problematica.

L’unica questione è capire se e quali ulteriori verifiche e variazioni di strategia dovranno essere prese in considerazioni”. E ha concluso: “L’unico problema – ha aggiunto – è che questo, avere gli anticorpi dimostrati, basti ad avere il bollino verde, che possano essere considerati come i completamente vaccinati. Bisognerebbe che questa condizione fosse compresa tra quelle che danno diritto a ottenere determinati pass”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684