Covid, con variante Omicron i giovani finiscono in ospedale ma i ricoveri... - QdS

Covid, con variante Omicron i giovani finiscono in ospedale ma i ricoveri…

Web-al

Covid, con variante Omicron i giovani finiscono in ospedale ma i ricoveri…

Web-al |
venerdì 31 Dicembre 2021 - 13:28

I più giovani finiscono in ospedale, ma i ricoveri restano nettamente inferiori a quelli registrati con le ondate precedenti e il quadro clinico della malattia è più leggero

Con Omicron più giovani finiscono in ospedale, ma i ricoveri restano nettamente inferiori a quelli registrati con le ondate precedenti e il quadro clinico della malattia è più leggero, tanto che il tasso di mortalità tra i ricoverati è passato dal 29,1% della terza ondata al 2,7% della quarta. È quanto emerge dall’analisi comparata dei ricoveri in ospedale nelle prime tre settimane di ciascuna delle quattro ondate di SARS-CoV-2 in Sudafrica, realizzato dal network di ospedali privati Netcare e pubblicato su Jama.

La comparazione con le altre varianti

Dall’analisi è emerso che, tra quanti si presentavano in ospedale, il tasso di ricovero è sceso dal 68-69% nelle prime tre ondate al 41,3% con la quarta ondata, una riduzione di circa il 40%. Diminuisce anche l’età media dei ricoverati: da 59-53 anni a 36 anni. Diverse sono anche le caratteristiche cliniche dei pazienti che si rivolgono in ospedali, in particolare nell’ultima ondata solo il 31,6% è arrivato in ospedale con insufficienza respiratori acuta, contro il 91,2% dei casi con la variante Delta e il 72% della forma originale del virus.

Durante le prime tre settimane della quarta ondata i tassi di ricoveri in terapia intensiva sono stati del 18,5%, nettamente inferiori al 29,9% della terza ondata, al 36,6% della seconda e al 42% della prima. Crollata anche la proporzione di pazienti che ha avuto bisogno di ossigenoterapia, che è passata dal 74% nelle prime tre settimane della terza ondata al 17,6% dell’era Omicron.

Anche il bisogno di ventilazione meccanica è sceso dal 16,4% e 12,4% della prima ondata e terza ondata all’1,6% della quarta. I ricercatori invitano comunque alla prudenza nell’interpretazione dei dati, in quanto alcuni dei pazienti, specie nella quarta ondata, potrebbero essere andati in ospedale per altri motivi e avere scoperto lì di essere positivi. Nell’ultima ondata, secondo lo studio, solo il 24,2% delle persone ricoverate era vaccinata contro Covid-19.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684