Cultura e valori della gastronomia francese entrano negli istituti alberghieri siciliani - QdS

Cultura e valori della gastronomia francese entrano negli istituti alberghieri siciliani

redazione

Cultura e valori della gastronomia francese entrano negli istituti alberghieri siciliani

sabato 20 Aprile 2019 - 00:00
Cultura e valori della gastronomia francese  entrano negli istituti alberghieri siciliani

CATANIA – Venerdi scorso si è svolta nei locali dell’Ipsseoa Karol Wojtyla, l’istituto alberghiero di Catania, la prima edizione del concorso “Goût de France”, concorso che ha coinvolto gli alunni degli istituti appartenenti alla Rete regionale degli alberghieri della Sicilia. Di fatto, il Goût de France è un’iniziativa che ricorre ogni anno il 21 marzo ovunque nel mondo e che fa dialogare le culture attraverso il linguaggio comune della gastronomia.

Essa è stata lanciata nel 2014 dal Ministero francese degli Affari esteri, in collaborazione con lo chef Alain Ducasse, che ha ripreso una storica idea di Brillat-Savarin, per festeggiare la gastronomia francese e far conoscere la sua cultura e i suoi valori di condivisione e di gusto verso la buona tavola. La quinta edizione del Goût de France 2019 è dedicata alla regione della Provenza, oltre ai temi della cucina responsabile e rispettosa dell’ambiente.
L’idea di coinvolgere anche gli istituti alberghieri siciliani è nata circa un anno fa e si è concretizzata con la collaborazione tra l’Attaché culturel de l’Ambassade de France dell’Institut Français di Palermo, Madame Valérie Le Galcher-Baron, e la dirigente scolastica Daniela Di Piazza del Karol Wojtyla, capofila della suddetta rete.

Questo concorso è il risultato di un piacevole, ma laborioso impegno da parte di diversi docenti Itp e di francese degli istituti aderenti alla rete, nella presa di contatti, nel coordinamento e supporto alle attività, e naturalmente nella preparazione degli alunni in gara. L’organizzatore, nonché referente gare e concorsi dell’istituto Karol Wojtyla, Danilo De Feo, è stato supportato dall’aiuto della referente della rete, Marilena Del Genio, e dalla collaborazione della docente di Francese, Alfina Arezzi, per la buona realizzazione dell’evento.
Durante la manifestazione, gli alunni delle tre articolazioni, accoglienza turistica – enogastronomia – sala e vendita, di sei istituti alberghieri siciliani, l’Iis “Antonello” di Messina, l’Ipsar “Federico II di Svevia” di Siracusa, l’Istituto Omnicomprensivo “Pestalozzi” di Catania, l’Ipsseoa “G. Falcone” di Giarre (Ct), l’Ipsseoa “I. e V. Florio” di Erice (TP) e l’Ipsseoa “K. Wojtyla” di Catania, hanno dunque dapprima esposto in francese una presentazione della Provenza nelle sue varie attrattive turistiche, culturali ed enogastronomiche; hanno poi fatto degustare ad una giuria composta da tre cuochi e pasticceri della Federazione italiana cuochi (Fic) e della Confederazione pasticceri italiani (ConPaIt), Simone Strano, Angelo Scuderi e Giuseppe Ricciardi, tre rappresentanti dell’Associazione italiana sommelier, Salvo Di Bella, Loredana Mulé e Milena Di Pietro, un rappresentante dell’Associazione direttori d’albergo (Ada), Nino Lo Monte, e una docente madrelingua francese, Nicole Demoustier, le due portate preparate durante il concorso e i due vini scelti in abbinamento, dopo aver illustrato, sempre in francese, la loro origine e le loro caratteristiche organolettiche.

In serata si è proceduto alla premiazione delle prime tre scuole vincitrici della competizione: si è classificata al terzo posto l’Ipsar “Federico II di Svevia” di Siracusa, al secondo posto l’Ipsseoa “G. Falcone” di Giarre e al primo posto l’Ipsseoa “I e V Florio” di Erice, che si è pertanto aggiudicata la prima edizione del concorso Goût de France e alla quale spetta l’organizzazione della seconda edizione nel 2020.

è stato anche assegnato un premio, consistente in uno stage di formazione a Nizza, ai 10 alunni partecipanti, che si sono distinti ognuno in uno delle tre articolazioni. La giornata si è infine conclusa con una cena di gala, preparata e servita dall’equipe dei docenti Itp e dagli alunni del plesso di Monte Pò dell’Istituto K. Wojtyla, durante la quale si sono espresse le proprie considerazioni ed apprezzamenti; gli alunni partecipanti si sono dichiarati molto soddisfatti di questa esperienza, che ha trasmesso loro molte emozioni e che ha dato loro l’opportunità di mettersi alla prova professionalmente in lingua straniera.
Nicole Demoustier

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684