Dalla Regione finanziamenti per la viticoltura della Sicilia - QdS

Dalla Regione finanziamenti per la viticoltura della Sicilia

Michele Giuliano

Dalla Regione finanziamenti per la viticoltura della Sicilia

giovedì 03 Settembre 2020 - 00:00
Dalla Regione finanziamenti per la viticoltura della Sicilia

Via libera al bando “Ocm Vino-Investimenti”: sul piatto quindici milioni di euro per la campagna 2020-2021. Sono finanziabili interventi strutturali e l’acquisto di attrezzature per la produzione e la trasformazione

PALERMO – Quindici milioni di euro per la viticoltura siciliana. È stato pubblicato sul sito dell’assessorato regionale dell’Agricoltura il bando per l’ammissione ai finanziamenti Ocm Vino-Misura “Investimenti”, Campagna 2020/2021.

I fondi saranno concessi ai titolari di partita iva, gestori di micro, piccole e medie imprese, iscritte al Registro delle Imprese della Camera di Commercio, che hanno costituito nel Sian un “Fascicolo aziendale elettronico” aggiornato e valido.

Il totale dei finanziamenti sarà distribuito per il 65% a progetti che hanno un piano d’investimenti minimo di 500 mila euro, fino ad un massimo di 3 milioni euro. Il restante 35% andrà a progetti che hanno un piano d’investimenti minimo di 10 mila euro fino ad un massimo di 500 mila euro.

Per le imprese definite intermedie, il contributo erogabile disposto è il 25% della spesa effettivamente sostenuta, mentre per le imprese classificabili come grande impresa, il contributo massimo erogabile è pari al 19% della spesa sostenuta. Possono accedere al bando le imprese che si occupano di produzione di mosto di uve e di produzione di vino. Ancora, possono partecipare le imprese che si occupano di elaborazione, affinamento o il confezionamento del vino conferito dai soci.

Sono escluse dal contributo le imprese che effettuano la sola attività di commercializzazione dei prodotti vitivinicoli, o che si occupano della produzione di vino attraverso la lavorazione delle proprie uve da parte di terzi vinificatori, nel caso in cui la domanda sia rivolta a realizzare ex novo un impianto di trattamento o una infrastruttura vinicola. Le istanze devono essere presentate entro il 15 novembre prossimo.

Con i finanziamenti sarà possibile realizzare e ammodernare le strutture aziendali e le attrezzature, i punti vendita aziendali ed extraziendali, purché non ubicati all’interno delle unità produttive, comprensivi di sale di degustazione, nonché gli investimenti materiali per l’esposizione dei prodotti vitivinicoli, compresa la degustazione e gli investimenti materiali per la vendita aziendale dei prodotti vitivinicoli e la degustazione, comprese le attrezzature informatiche.

In ultimo, sarà possibile l’acquisto di recipienti e contenitori e barriques per l’invecchiamento e la movimentazione dei vini. Le nuove cantine dovranno avere una capacità minima di vinificazione e stoccaggio di 500 ettolitri, riferibile ad una superficie vitata minima di 5 ettari di cui almeno 3 obbligatoriamente aziendali.

Per impianti da realizzare nelle isole minori, nel territorio della Doc Etna e nella provincia di Messina, tenuto conto dell’alta frammentazione e polverizzazione della dimensione aziendale media, la capacità minima è di 200 ettolitri e la superficie vitata aziendale minima è di 2 ettari, obbligatoriamente aziendali.

In un’ottica di rilancio del comprensorio, la stessa deroga sarà applicabile al territorio della Docg “Cerasuolo di Vittoria”, esclusivamente per le aziende che rivendicano la produzione ai sensi del disciplinare della Docg stessa. La ditta dovrà presentare la domanda in forma telematica, utilizzando le funzionalità online messe a disposizione dall’OP AGEA sul portale www.sian.it o tramite un centro Autorizzato di Assistenza Agricola (Caa) accreditato dall’Op Agea, o con l’assistenza di un libero professionista, munito di opportuna delega, accreditato dalla Regione Sicilia per l’accesso all’area riservata del portale del Sian ed autorizzato dal responsabile delle utenze regionali alla fruizione dei servizi.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684