Trapani, lo sportello “Diana” contro la violenza - QdS

Trapani, lo sportello “Diana” contro la violenza

Pietro Vultaggio

Trapani, lo sportello “Diana” contro la violenza

giovedì 01 Ottobre 2020 - 00:00
Trapani, lo sportello “Diana” contro la violenza

Protocollo d’intesa tra l’associazione Co.Tu.Le.Vi. e due istituti scolastici della provincia. Ranno: “Vogliamo lanciare un segnale forte e sensibilizzare l’opinione pubblica”

TRAPANI – L’associazione Diritti Umani Contro Tutte le Violenze Co.Tu.Le.Vi ha firmato protocolli d’intesa con due istituti scolastici del territorio trapanese: l’I.P.S.E.O.A. “I. e V. Florio” e l’Istituto Calvino – Amico.

L’accordo ha come obiettivo la predisposizione di idonei strumenti per prevenire e contrastare qualsiasi tipologia di violenza subita, sia in ambito scolastico che domestico.

Lo sportello di ascolto “Diana” verrà messo a disposizione degli alunni già nel corso del presente anno scolastico, diventando un punto di riferimento costante per le alunne e gli alunni dell’Istituto. Il servizio di ascolto è completamente gratuito, riservato e coperto da segreto professionale. “L’Associazione si serve di progetti, collaborazioni ed iniziative territoriali per lanciare un segnale forte, pregnante, fatto di storie e testimonianze – commenta Aurora Ranno, presidente di Co.Tu.Le.Vi -, poiché soltanto avvicinando la cittadinanza alle Istituzioni e sensibilizzando l’opinione pubblica possiamo creare le premesse per un futuro migliore nel nome della legalità e del rispetto”.

A proposito dell’accoglienza presso gli sportelli Diana: “Con noi l’approccio tra denunciante e operatore è più morbido – prosegue Ranno -, noi siamo la mediazione con le istituzioni. Chi viene qui si sente più a suo agio nel raccontare e denunciare quello che gli succede. Qui incontrano i nostri volontari, come la psicologa, la criminologa, l’avvocato. Alle volte ci vogliono tanti incontri prima che una persona si decida a denunciare. Oppure può darsi che alla fine non denunci affatto – conclude -, magari ha solo bisogno di assistenza legale e di informazioni oppure di essere ascoltato. Magari non ha mai voluto denunciare e voleva solo che parlare”.

Uno sportello d’ascolto, in un mondo che va veloce e che fa fatica ad ascoltare anche le piccole esigenze. Spesso siamo presi da futili impegni e non diamo ascolto ad un conoscente che ha bisogno di aiuto. Ecco che, in questa fase, si inserisce l’associazione Co.Tu.Le.Vi per agire subito in casi di violenza nascosta.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684