Dinamica, vivace e ricca di storia e cultura. In giro per Lucerna, fra antico e moderno - QdS

Dinamica, vivace e ricca di storia e cultura. In giro per Lucerna, fra antico e moderno

Nicoletta Fontana

Dinamica, vivace e ricca di storia e cultura. In giro per Lucerna, fra antico e moderno

martedì 04 Febbraio 2020 - 00:00
Dinamica, vivace e ricca di storia e cultura. In giro per Lucerna, fra antico e moderno

Un piccolo diamante, incastonato fra le Alpi Svizzere, che diventa ancor più luminoso durante il Festival delle Luci

Lucerna si adagia luminosa sul lago dei Quattro Cantoni, circondata dalla cornice delle Alpi Svizzere. Un piccolo diamante che si rende ancor più luminoso durante il Festival delle Luci, grazie alle eclettiche installazioni che accendono palazzi e chiese in giro per la città, con giochi di luce a opera di celebri artisti provenienti da tutta Europa.

Pur essendo una città molto piccola, riesce a stupire il visitatore per le numerose sorprese capace di regalare, discostandosi totalmente dall’immaginario collettivo che si ha delle città svizzere. Dinamica e vivace, ricca di storia e di cultura, riesce a rendersi unica perché combina allo stesso tempo antichità e modernità.

L’itinerario alla sua scoperta può partire dal Ponte della Cappella, “Kapellbrücke”, simbolo iconografico di Lucerna. Una foto ricordo e si inizia a esplorare il vicinissimo centro storico. Ricco di affascinanti architetture che subito si ritrovano passeggiando attraverso la piazza Mühlenplatzche, circondata da imponenti palazzi del Quattrocento finemente decorati e tipiche case in legno di epoca medievale. Tra i viottoli della zona pedonale, si può fare dell’ottimo shopping nei tanti negozi di moda, design d’interni e artigianato. Immancabile un pit-stop nelle tante cioccolaterie per acquistare delle ottime praline svizzere. Vicino alla Cattedrale, che merita senz’altro una visita, si può pensare di pranzare al ristorante Rebstock e scegliere il menu degustazione a base delle specialità locali.

Lucerna è anche arte e la Collezione Rosengart, ubicata nel palazzo dell’ex Banca nazionale svizzera, rappresenta qualcosa di più di un tempio dell’arte. È la storia di un padre e di sua figlia, Angela Rosengart, che attraverso la loro fondazione hanno regalato alla città la possibilità di ammirare più di trecento capolavori dei grandi maestri del Novecento, rendendoli fruibili a tutti. Al suo interno è custodita la più grande collezione privata di Picasso, che per Angela ha anche realizzato cinque stupendi ritratti. Inoltre, girando tra le sale si possono apprezzare alcune opere di Cézanne, Monet, Pissarro, Kandinsky, Chagall, Picasso e Paul Klee. Da non perdere!

Poco distante dalla stazione, che ha visto l’intervento di Santiago Calatrava, spicca imponente il KKL, Centro di cultura e congressi di Lucerna. Un edificio firmato dall’archistar francese Jean Nouvel, un’opera architettonica di grande bellezza e fortemente innovativa. La costruzione racchiude in sé una sala concerti da 1.840 posti a sedere e vanta un’acustica tra le migliori al mondo. Oltre al centro congressi e agli spazi per eventi eno-gastronomici, il KKL ospita anche il Museo d’arte contemporanea di Lucerna. Nel bar del primo piano ogni sabato vengono organizzati concerti dal vivo, che consiglio di non perdere, come godersi un drink dalla terrazza di questo straordinario spazio multifunzionale, da cui si può godere della più stupefacente vista sul lago di Lucerna.

Dalla darsena di fronte al KKL parte un catamarano di nuova generazione che porta, dopo circa trenta minuti di navigazione, alla partenza della teleferica che conduce in vetta al monte Bürgenstock. Lì, a quattrocento metri d’altezza, si apre una magnifica vista sul lago e il Bürgenstock Hotels & Resort-Waldhotel & Spa, firmato da Matteo Thun, rappresenta per Lucerna un altro esempio di architettura contemporanea di altissimo livello. Un’oasi di paradiso per chi decidesse di fare una vacanza a tutto relax, sport e wellness. Un’infinity pool svetta sospesa sul lago ed è veramente emozionante restarvi immersi fino al tramonto. Nell’Alpine Spa, con una superficie di oltre diecimila metri quadrati, ci si potrà rilassare scegliendo tra i numerosi trattamenti all’interno del ricco menu. Per i più sportivi vi è la possibilità di praticare il tennis e il golf in loco, la mountain bike e il trekking. Ottimo anche il ristorante Spices Kitchen-Terrace, che vanta quindici punti Gault Millau e propone un menù fusion dai rimandi giapponesi, cinesi, indiani e tailandesi. Meravigliosa anche la vista, eccellente il servizio.

I più tradizionalisti invece possono optare di soggiornare lungo il lago al Grand Hotel National Luzerne e cenare al ristorante National, che seduce i suoi ospiti non soltanto per la sua cucina gourmet, ma anche per i sofisticati e raffinatissimi arredi di fine secolo scorso.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684