Dl Covid, dal 10 marzo si alle feste popolari, in zona bianca - QdS

Dl Covid, dal 10 marzo si alle feste popolari, in zona bianca

web-mp

Dl Covid, dal 10 marzo si alle feste popolari, in zona bianca

web-mp |
giovedì 17 Febbraio 2022 - 21:27

Tra le modifiche previste dal dl Covid, la possibilità di svolgere le feste popolari e manifestazioni culturali all'aperto. Per il 2022, quindi, potrebbe tornare la festa di Santa Rosalia a Palermo

È stato approvato all’unanimità un emendamento al decreto legge del 7 gennaio, in fase di discussione nella Commissione Affari Sociali della Camera. Dal 10 marzo sarà quindi possibile “consumare cibi e bevande anche in sale teatrali, da concerto, al cinema, nei locali d’intrattenimento e musica dal vivo, in altri locali assimilati e in tutti i luoghi in cui svolgono eventi e competizioni sportive”. E non solo.

Nel corso dell’iter parlamentare, il testo ha subito alcune modifiche, dalla cancellazione dell’obbligo del Super Green pass per i trasferimenti da e per la Sicilia, al ripristino della possibilità di svolgimento “di feste popolari, come ad esempio, in Sicilia la festa di Santa Rosalia a Palermo.

Sempre dal 10 marzo, era già previsto il ritorno della possibilità di far visita ai familiari ricoverati in ospedale, per 45 minuti al giorno.

Il primo marzo, invece, scatterà l’aumento della capienza negli stadi e nei palazzetti, che salirà rispettivamente al 75% e al 60%. Tutti interventi che vanno nella direzione annunciata dal governo di riaprire gradualmente il paese. Sullo sfondo rimane quello che sarà il vero banco di confronto tra le forze politiche, ovvero la scadenza dello stato d’emergenza il 31 marzo.

Intanto la Camera ha convertito in legge il decreto varato dal governo la Vigilia di Natale, testo nel quale era stato proprio prolungato lo stato d’emergenza a fine marzo e in cui era stato imposto l’obbligo del Green pass rafforzato anche per prendere il caffè al bancone o accedere a musei, cinema, teatri, piscine e palestre. Il voto finale ha raccolto 331 Sì, 43 No e tre astenuti.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684