Dl rilancio, ristrutturazioni delle case gratuite con l'ecobonus al 110% - QdS

Dl rilancio, ristrutturazioni delle case gratuite con l’ecobonus al 110%

redazione web

Dl rilancio, ristrutturazioni delle case gratuite con l’ecobonus al 110%

lunedì 11 Maggio 2020 - 10:31

Il consigliere nazionale di Unimpresa Pepe, "un incentivo positivo per sbloccare piccoli e grandi cantieri, con considerevoli vantaggi per imprese e famiglie" con la possibilità di realizzare opere a costo zero

“L’ecobonus che dovrebbe trovare spazio nel cosiddetto Decreto rilancio è estremamente positivo per il futuro dell’economia italiana, può sbloccare rapidamente piccoli lavori edilizi e cantieri di dimensioni più grandi”.

Lo ha dichiarato il consigliere nazionale di Unimpresa, Marco Pepe, secondo il quale “il governo sembra aver accolto anche un’istanza di Unimpresa che aveva inviato una lettera al presidente Conte, lo scorso 23 aprile, con una serie di proposte condivise da tutti gli associati, chiedendo, tra altro, proprio interventi per rilanciare l’edilizia”.

Secondo Pepe “l’ecobonus al 110% consente, alle famiglie italiane, di eseguire lavori nelle abitazioni di loro proprietà”.

Illustrando gli effetti della misura inserita nella bozza del decreto del governo, il consigliere di Unimpresa spiega che “il super bonus si potrà chiedere dal primo luglio 2020 al 31 dicembre 2021, mentre gli interventi coperti dall’incentivo riguardano lavori per risparmio energetico, realizzazione di pannelli fotovoltaici; riduzione del rischio sismico, accompagnati da altri inclusi in un elenco più ampio ancora in via di definizione”.

“In pratica – ha spiegato Pepe – , le famiglie e i condomini potrebbero cedere il credito d’imposta maturato a banche, assicurazioni o ad altre imprese che svolgono lavori. Ne consegue che una famiglia potrà decidere di detrarre negli anni successivi un importo superiore alla spesa oppure cederlo all’impresa che esegue i lavori con uno sconto in fattura del 100% della spesa che consente di realizzare le opere a costo zero”.

“Poi – ha concluso Pepe – sarà l’impresa edilizia a ottenere il beneficio, con una compensazione nei versamenti fiscali oppure scontandolo e cedendolo a u meno tasse o scontarlo e cederlo a sua volta a una banca o altra azienda che abbia capienza fiscale”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001